Euroviews. "I tagli al bilancio dell'Ue minacciano la leadership dell'Unione a livello mondiale"

Un politico che pensa al bilancio dell'UE, illustrazione
Un politico che pensa al bilancio dell'UE, illustrazione Diritti d'autore Midjourney/Euronews
Di Pascal Lamy, Andris Piebalgs, Heidemarie Wieczorek-Zeul, Neven Mimica, Charles Goerens
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non rappresentano in alcun modo la posizione editoriale di Euronews.
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il denaro che l'Ue investe nelle sfide globali all'estero è la manifestazione tangibile dei nostri valori europei in azione, e riflette gli impegni internazionali assunti dall'Unione, scrivono Pascal Lamy, Andris Piebalgs, Heidemarie Wieczorek-Zeul, Neven Mimica e Charles Goerens.

PUBBLICITÀ

In troppi luoghi, in troppe parti del mondo, la prospettiva che la prossima generazione abbia un futuro migliore rispetto a quello dei propri genitori è compromessa.

Che si tratti dell'aumento della povertà o della fame, dell'aumento del debito o degli shock climatici sempre più frequenti, la necessità di un'azione collettiva e di investimenti graduali per affrontare con urgenza queste sfide non è mai stata così forte.

Questi non sono solo problemi di qualcun altro. È nell'interesse di tutti noi che il mondo si unisca di fronte alla crisi climatica e alle minacce sanitarie emergenti; si tratta di sfide globali che nessun Paese o blocco può affrontare da solo.

Siamo quindi profondamente preoccupati dal fatto che l'accordo provvisorio sulla revisione del bilancio a lungo termine dell'Ue, sostenuto da 26 Stati membri, taglierà almeno 2 miliardi di euro da investimenti vitali per lo sviluppo e il clima nei Paesi partner per finanziare i programmi di migrazione.

Gli Stati membri vogliono stracciare il regolamento

L'ultima proposta di revisione del bilancio, concordata a dicembre, suggerisce che 2 miliardi di euro "disimpegnati" o non spesi dal bilancio dell'Ue per lo sviluppo dovrebbero essere utilizzati per fornire ulteriori finanziamenti ai programmi di migrazione.

È nell'interesse di tutti noi che il mondo si unisca di fronte alla crisi climatica e alle minacce sanitarie emergenti; si tratta di sfide globali che nessun Paese o blocco può affrontare da solo.

In apparenza questa decisione potrebbe sembrare logica. Nel 2020 però l'Ue ha concordato una serie di investimenti minimi da effettuare in regioni come l'Africa sub-sahariana, sancendo questi importi nel diritto europeo.

Nel tentativo di proteggere i finanziamenti per le priorità a lungo termine dalle esigenze a breve termine, la legge stabilisce anche che qualsiasi fondo non utilizzato debba essere conservato e reinvestito per il suo scopo originario. Ora gli Stati membri vogliono stracciare il regolamento.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il presidente francese Emmanuel Macron e il vice primo ministro lussemburghese Xavier Bettel.
Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il presidente francese Emmanuel Macron e il vice primo ministro lussemburghese Xavier Bettel.AP Photo/Olivier Matthys

Dirottare i fondi non utilizzati significa tagliare i programmi esistenti. Oltre ai vincoli giuridici, a questo punto del ciclo di bilancio a lungo termine non è possibile prevedere con precisione quanto denaro non sarà speso alla fine del periodo di bilancio, da quali linee di bilancio proverranno questi fondi o quando saranno disponibili.

Questo approccio mette a rischio le relazioni dell'Ue con i Paesi partner e la sua credibilità come attore globale.

Pertanto, l'unico modo per mobilitare rapidamente i 2 miliardi di euro richiesti dagli Stati membri è tagliare il bilancio per lo sviluppo.

Questo non solo significherà che si investirà meno denaro nei sistemi sanitari in Africa, ad esempio, ma creerebbe anche un nuovo pericoloso precedente in cui i finanziamenti concordati per gli investimenti strategici a lungo termine dell'Ue possono essere sottratti per soddisfare gli obiettivi a breve termine degli Stati membri.

Questo approccio mette a rischio le relazioni dell'UE con i Paesi partner e la sua credibilità come attore globale.

Il denaro investito nelle sfide globali rappresenta i nostri valori in azione

In un mondo multipolare e sempre più competitivo, l'Ue deve mantenere forti alleanze. Il bilancio dell'Ue adibito allo sviluppo è una dimostrazione concreta ai nostri partner nei Paesi a basso e medio reddito che siamo uniti di fronte alle sfide globali.

Tuttavia, le parole dell'UE sono sempre meno in sintonia con le sue azioni. Da un lato, l'UE esprime il suo desiderio di rinnovare il partenariato con l'Africa o la sua leadership in materia di salute globale, ma allo stesso tempo taglia i fondi per realizzare queste priorità.

Le bandiere dell'Unione Europea durante una riunione presso il palazzo del Consiglio Europeo a Bruxelles, dicembre 2023
Le bandiere dell'Unione Europea durante una riunione presso il palazzo del Consiglio Europeo a Bruxelles, dicembre 2023AP Photo/Virginia Mayo

Il denaro che l'UE investe nelle sfide globali all'estero è la manifestazione tangibile dei nostri valori europei in azione, e riflette gli impegni internazionali assunti dall'UE.

È una testimonianza delle nostre aspirazioni collettive per un mondo più equo, in cui le popolazioni più vulnerabili, in particolare le donne e le ragazze, siano aiutate a superare le crisi che mettono a repentaglio le loro vite, la loro salute e i loro mezzi di sussistenza.

Il denaro che l'UE investe nelle sfide globali all'estero è la manifestazione tangibile dei nostri valori europei in azione, e riflette gli impegni internazionali assunti dall'Unione.

Se i leader dell'Ue vogliono mantenere la loro importanza a livello globale, devono ripensare il loro approccio e garantire che il bilancio del blocco sia in grado di soddisfare l'ambiziosa agenda geopolitica dell'UE.

L'accordo che è sul tavolo è pieno di pericoli. Invece di aumentare le risorse di fronte alle crisi esistenti ed emergenti, l'Ue sembra più propensa a voltare le spalle al mondo per guardare se stessa, nel momento in cui il mondo ha più bisogno di lei.

Pascal Lamy è l'ex commissario europeo per il commercio ed ex direttore generale dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC); Andris Piebalgs è l'ex commissario europeo per lo sviluppo; Heidemarie Wieczorek-Zeul è l'ex ministro federale tedesco per la cooperazione e lo sviluppo economico; Neven Mimica è l'ex commissario europeo per i partenariati internazionali; Charles Goerens è l'ex ministro lussemburghese per la cooperazione, l'azione umanitaria e la difesa e attuale membro del Parlamento europeo in rappresentanza del Parti démocratique (Rinnovamento europeo). Piebalgs, Wieczorek-Zeul, Mimica e Goerens sono anche membri del Consiglio di amministrazione di Friends of the Global Fund Europe.

PUBBLICITÀ

A Euronews crediamo che tutte le opinioni siano importanti. Contattateci all'indirizzo view@euronews.com per inviare proposte o contributi e partecipare alla conversazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Difesa: l'Ue va verso l'acquisto congiunto di armi, "bisogna mettere il turbo" dice von der Leyen

Yulia Navalnaya: "Per sconfiggere Putin, smettete di essere noiosi e innovate"

L'Ue rischia di diventare complice delle morti di migranti in mare a causa di Frontex