Donald Tusk promette di sbloccare i fondi del Pnrr polacco

Il leader dell'opposizione polacca Donald Tusk (a sinistra) ha incontrato la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (a destra) a Bruxelles mercoledì mattina.
Il leader dell'opposizione polacca Donald Tusk (a sinistra) ha incontrato la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (a destra) a Bruxelles mercoledì mattina. Diritti d'autore European Union, 2023.
Di Jorge Liboreiro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Nella sua prima visita a Bruxelles dopo le elezioni in Polonia, il probabile nuovo primo ministro Donald Tusk ha promesso di riportare il Paese sul "palcoscenico europeo" e di sbloccare oltre 35 miliardi di euro di fondi del Pnrr

PUBBLICITÀ

"Sono qui alla Commissione europea per accelerare il processo di ritorno sulla scena europea. Siamo pienamente convinti che questa sia la volontà degli elettori polacchi", ha dichiarato il leader di Piattaforma Civica, che dovrebbe guidare il nuovo esecutivo di Varsavia. "Il mondo intero ha visto che la democrazia, lo Stato di diritto e la libertà sono tornati di moda, e i polacchi vi hanno contribuito".

Un incarico (quasi) scontato

Sebbene il partito di governo Diritto e Giustizia (PiS) sia arrivato primo alle elezioni del 15 ottobre, Piattaforma Civica di Tusk, insieme ad altri due partiti di opposizione, ha ottenuto più del 54% dei voti e dispone dunque di una maggioranza di 248 seggi sui 460del Sejm, la camera bassa del Parlamento polacco.

Tusk, ex presidente del Consiglio europeo, sarà con ogni probabilità il prossimo primo ministro polacco, un cambiamento che dovrebbe migliorare notevolmente le relazioni tra Bruxelles e Varsavia, ai minimi storici durante otto anni di governi di destra ed euroscettici guidati dal PiS.

Le persistenti tensioni hanno portato ad accuse pubbliche e molteplici cause legali presso la Corte di giustizia europea.

"Sono davvero orgoglioso dei miei compatrioti. Hanno dimostrato che l'umore antidemocratico e antieuropeo non deve essere una tendenza, che è solo una turbolenza passeggera, spero", ha detto Tusk, accanto alla Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

"Donald Tusk e io troveremo molti punti in comune"
Ursula von der Leyen
Presidente della Commissione europea

Le aperture della Commissione

Von der Leyen ha celebrato "l'affluenza record" alle elezioni polacche: oltre il 74%, il livello più alto dalla caduta del comunismo, come prova che "i polacchi sono fortemente legati alla democrazia".

L'incontro informale fra Tusk (non ancora in sella per un incarico ufficiale) e von der Leyen si è concentrato su guerra in Ucraina, sicurezza, difesa, competitività, transizione ecologica e valori democratici. "So che Donald Tusk e io troveremo molti punti in comune su tutti questi temi", ha dichiarato von der Leyen.

Un'altra questione in cima all'agenda è stata quella dei 35,4 miliardi di euro di fondi per la ripresa post-pandemica che la Polonia sta cercando di sbloccare da più di un anno, senza successo.

La Commissione europea ha dato il via libera al Piano nazionale di ripresa e resilienza polacco nel giugno 2022, ma non ha ancora erogato i fondi a causa di una controversia in corso sullo stato di diritto e sull'indipendenza giudiziaria. Varsavia è tenuta a soddisfare una serie di "tappe fondamentali" come condizione per l'erogazione, e la mancanza di progressi indica un giudizio insufficiente da parte della Commissione.

Tusk vuole superare l'impasse ed è disposto ad adottare misure "non standard", come le ha definite, per garantire che il denaro arrivi presto nelle casse polacche. I pagamenti nell'ambito del fondo Next GenerationEu da 750 miliardi di euro vengono effettuati in modo graduale fino alla fine del 2027. "Il tempo stringe", ha detto Tusk.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Discorso di Tusk per una Polonia progressista: interrotto da attacco antisemita

Polonia. La vittoria di Tusk non basta. Ai nazionalisti il compito di formare il governo?

Polonia, la Commissione vuole sbloccare 137 miliardi di euro per i progressi sullo Stato di diritto