L'idea di Biden che fa arrabbiare l'Europa

Joe Biden è presidente degli Stati Uniti dal gennaio 2021
Joe Biden è presidente degli Stati Uniti dal gennaio 2021 Diritti d'autore Cleared
Di Stefan Grobe
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il maxi-piano di sussidi "Inflation Reducation Act" sovvenzionerà le tecnologie green statunitensi, che potrebbero avere vantaggio competitivi rispetto a quelle europee. L'allarme della Commissione

PUBBLICITÀ

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta cercando di difendere gli interessi dell'economia americana in un modo che non piace troppo ai suoi alleati europei.

Sussidi e lamentele

L"Inflation Reduction Act" che il Congresso statunitense ha approvato all'inizio dell'anno sovvenziona le tecnologie ecosostenibili locali, come le auto elettriche o la produzione di energie rinnovabili per un importo di 370 miliardi di dollari.

L'Unione Europea è molto preoccupata, perché teme che le proprie imprese vengano estromesse dal mercato americano a causa di quella che considerano una svolta protezionistica.

"Quello che chiediamo è equità. Vogliamo e ci aspettiamo che le aziende e le esportazioni europee siano trattate negli Stati Uniti allo stesso modo in cui le aziende e le esportazioni americane sono trattate in Europa", ha detto di recente il vice-presidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis.

Le nuove regole saranno in vigore da gennaio, mentre Bruxelles e Washington stanno negoziando possibili deroghe per le aziende europee

Al momento, senza risultati: gli esperti sono molto scettici sulla possibilità di un compromesso, dato che con questa iniziativa gli Stati Uniti hanno deciso consapevolmente di rinnegare i principi del libero commercio. L'Europa potrebbe rispondere a tono, anche se la questo potrebbe rivelarsi controproducente.

"L'ultima cosa da fare in questo momento, la cosa più stupida che possiamo fare, è iniziare una guerra commerciale, perché siamo in una posizione debole", spiega a Euronews Jacob Kirkegaard, senior fellow del  German Marshall Fund.

"Questa è semplicemente la realtà. Penso invece che l'obiettivo potrebbe essere agire in maniera mirata e circoscritta, per consentire un uso più indulgente delle sovvenzioni in Europa. Sovvenzioni pubbliche nell'ottica della transizione ecologica, per fare in modo che avvenga il prima possibile e per far sì che le imprese europee siano in grado di competere pienamente anche a livello internazionale."

Ogni contromisura commerciale rimane comunque rischiosa fintanto che la guerra è in corso, l'Unione conta sugli Stati Uniti per la fornitura di armi all'Ucraina e di gas naturale liquefatto agli Stati europei. Motivi più che validi per mantenere positive le relazioni transatlantiche.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Presentato il piano europeo per l'industria "pulita"

Elezioni: la sinistra sceglie Walter Baier per la Commissione europea

Agricoltori: tensione a Parigi, Macron costretto a un incontro con pochi manifestanti