This content is not available in your region

La guerra in Ucraina trasforma il mercato liberale energetico dell'Ue

Access to the comments Commenti
Di Maria Psara
euronews_icons_loading
La minaccia di interruzione del gas russo trasforma il mercato energetico europeo.
La minaccia di interruzione del gas russo trasforma il mercato energetico europeo.   -   Diritti d'autore  AFP

La guerra della Russia contro l'Ucraina potrebbe cambiare le carte in tavola per quanto riguarda la mappa energetica dell'Europa.

In Francia, il gigante energetico Edf  viene rinazionalizzato. In Germania, il governo ha deciso di salvare Uniper, uno dei maggiori importatori di gas al mondo, che sta subendo la riduzione del flusso di gas naturale russo. Allo stesso tempo, gli Stati europei stanno diventando sempre più interventisti nei mercati energetici.

Abbiamo chiesto agli esperti se questo nuovo approccio sia destinato a durare nel tempo.

"È un modello che vediamo in tutta l'Unione europea e che probabilmente si intensificherà, visto che stiamo entrando nella crisi energetica invernale. Penso che sia prematuro, perché questo intervento sui mercati dell'energia sarà ritirato con molta difficoltà", ha spiegato il direttore del Programma energia e clima al Centro per lo Studio della Democraiza,Martin Vladimirov. "L'Unione europea ha lavorato per decenni per liberalizzare i mercati dell'energia e in soli sei mesi molte di queste conquiste sono state sostanzialmente annullate", ha aggiunto. 

Dall'ottobre dello scorso anno, quando la Russia ha iniziato a giocare con le forniture di gas, l'intervento governativo nei mercati è aumentato, nel tentativo di controllare i prezzi dell'energia. Ma i risultati sono stati limitati: i prezzi sono rimasti alti e i governi continuano a sovvenzionare.

Secondo l'analista di Bruegel, questa situazione dovrebbe essere gestita con attenzione.

"Abbiamo visto i governi intervenire sui mercati e sovvenzionare in modo significativo sia le famiglie che le industrie. Sul momento, si pensava che si trattasse di una misura temporanea per superare l'inverno e che poi si sarebbe tornati alle normali attività commerciali. Non è stato così. I prezzi sono chiaramente rimasti alti e i governi continuano a sovvenzionare massicciamente e a intervenire in modo pesante nei mercati energetici sul fronte della crisi", ha evidenziato Ben McWilliams, analista di ricerca di Bruegel. "Questo è pericoloso, perché disturba i mercati e alla fine spinge i prezzi sempre più in alto, perché permette ai consumatori di continuare a consumare energia anche quando i prezzi registrano livelli elevati e li spingono sempre più in alto", ha evidenziato. 

È una questione importante per i governi e ha senso proteggere i cittadini e le aziende dall'aumento dei prezzi. Ma è una azione complessa nel quadro del mercato liberale che l'Europa ha costruito negli ultimi 20 anni.