EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La Turchia diventa Türkiye. Il Presidente Erdogan chiede di riconoscere il nuovo nome

La Turchia ha cambiato nome in Türkiye
La Turchia ha cambiato nome in Türkiye Diritti d'autore Burhan Ozbilici/AP
Diritti d'autore Burhan Ozbilici/AP
Di Jorge Liboreiro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Turchia ora si chiama Türkiye. Ma non è l'unico caso di Paese che ha modificato il proprio nome: ecco una carrellata degli Stati che, nella storia e per motivi diversi, hanno deciso di farlo.

PUBBLICITÀ

La Turchia ha chiesto alla comunità internazionale di usare il suo nome turco, Türkiye, invece di quello inglese. Un nome più adeguato, secondo il presidente Recep Tayyp Erdoğan, a rappresentare la cultura e i valori del Paese. Türkiye è "la migliore rappresentazione ed espressione della cultura, della civiltà e dei valori del popolo turco", ha detto un anno fa Erdoğan. Un nome, soprattutto, che manda in soffitta la vecchia versione inglese dell'appellativo del Paese, cioè "Turkey", che significa "tacchino". 

Ma mentre le Nazioni Unite e la Nato hanno già accettato e fatto proprio "Türkiye", i critici di Ankara sottolineano che la mossa è tutta orientata a catturare e a galvanizzare l'elettorato più nazionalista e attaccato all'immagine della nazione sulla scena globale, distogliendo l'attenzione della popolazione dai problemi economici del Paese

Qualunque siano le ragioni, la Turchia non è il primo, né il solo, Paese a cambiare il suo nome: Iran, Thailandia, Sri Lanka e Myanmar sono solo alcuni esempi di Stati che, fino a non molto tempo fa, si chiamavano in un altro modo. 

Guardate il video per scoprire le altre nazioni che hanno cambiato il proprio nome.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Nato al lavoro per trovare un accordo con la Turchia sull'adesione di Finlandia e Svezia

"Solo la Turchia può riaprire la via del grano"

Internazionale nazionalista: le (tante) facce della destra radicale in Europa