This content is not available in your region

Dopo 77 anni per non dimenticare il dramma dell'Olocausto

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Dopo 77 anni per non dimenticare il dramma dell'Olocausto
Diritti d'autore  JOHN THYS/AFP

Dopo 77 anni, le atrocità dell'Olocausto continuano a sconvolgere. Giovedì, persone in tutto il mondo hanno celebrato la Giornata della Memoria per assicurarsi che gli orrori non vengano mai dimenticati.

A Bruxelles, la sopravvissuta Margot Friedländer ha detto a Euronews che è importante raccontare la sua storia per ricordare alla gente che può sempre succedere di nuovo.

Così Margot Friedländer, sopravvissuta all'Olocausto:  "È molto, molto importante perché solo se tutti sanno cosa è stato e che può succedere di nuovo è importante essere un essere umano. Dico loro che non mi interessa se è sangue cristiano, sangue ebraico, sangue musulmano - siamo tutti umani e tutti abbiamo lo stesso sangue rosso. Siamo tutti uguali. Quindi, non è importante essere umani e riconoscere le persone?"

La nativa tedesca, che ha 100 anni, è stata lei stessa catturata e deportata in un campo di concentramento nella Repubblica Ceca.

Dice che il rispetto per tutte le persone è la chiave per combattere l'antisemitismo e l'incitamento all'odio. Continua Margot Friedländer: "Sii un essere umano. Rispetta tutti. Rispetta gli umani."

Margot Friedländer, la cui madre e il cui fratello sono stati uccisi nel campo di sterminio di Auschwitz, ha incontrato gli eurodeputati al Parlamento europeo. Qui ha detto che la memoria dell'Olocausto è talvolta abusata politicamente da politici di tutti i colori.

La signora ha concluso con un avvertimento affinché le persone restino vigili e non distolgano lo sguardo come hanno fatto allora.