This content is not available in your region

Chi boicotta i giochi olimpici invernali in Cina?

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Chi boicotta i giochi olimpici invernali in Cina?
Diritti d'autore  AFP

La Lituania è lasciata sola per il momento: non ci sarà boicottaggio europeo alle Olimpiadi invernali in Cina. 

Tra gli Stati membri, solo Vilnius ha finora affermato con fermezza che si unirà al boicottaggio diplomatico dei giochi del prossimo anno.

Gli Stati Uniti hanno chiesto l'assenza di funzionari governativi ufficiali a causa di "crimini contro l'umanità, genocidio e altre violazioni dei diritti umani" nella provincia cinese di Xinjiang Uyghur. E seguiranno paesi come Australia, Nuova Zelanda, Canada e Regno Unito. La decisione della Lituania è bilanciata da altri contrasti con la Cina.

A novembre Taiwan, ancora non riconosciuto come Stato dalla Cina, ha annunciato l'apertura di una missione straniera a Vilnius. In risposta, Pechino ha escluso le società che commerciano con fornitori lituani dai mercati cinesi.

Mancanza di volontà comune

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha dichiarato lunedì a Bruxelles di non considerare probabile un'azione unificata dell'UE. "Sostengo da sempre l'approccio europeo, ma a volte è difficile da trovare". In effetti, finora sono da soli.

La presidenza francese, che detiene la prossima presidenza, ha affermato che un boicottaggio puramente diplomatico sarebbe "una misura piccola e simbolica".

Alla posizione francese si unirono anche Lussemburgo, Austria e Germania. "Le Olimpiadi sono una celebrazione dello sport. Non bisogna cogliere l'occasione per fare politica", ha detto il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock.

Roma ha deciso di inviare i suoi atleti, probabilmente per questioni anche diplomatiche. Questo perché l'Italia ospiterà le prossime Olimpiadi invernali nel 2026 e, secondo la tradizione, il paese ospitante  successivo prende il testimone dal paese che quei giochi ha ospitato.

Il presidente del Comitato olimpico portoghese dice di comprendere il boicottaggio diplomatico statunitense. José Manuel Constantino sottolinea che lo sport è inseparabile dalla vita politica. Nel caso del Portogallo, José Manuel Constantino ricorda che di solito non ci sono molti atleti nazionali ai Giochi Olimpici Invernali. Per tradizione non sono presenti neanche i diplomatici portoghesi.

L'argomento non sarà nell'agenda ufficiale della riunione di lunedì dei ministri degli esteri dell'Unione europea. Una decisione in merito non può essere presa solo perché le decisioni di politica estera richiedono l'unanimità.

Oltre alla Lituania, l'Australia, la Gran Bretagna, il Canada e la Nuova Zelanda hanno finora aderito all'iniziativa statunitense. Il portavoce degli affari esteri cinese Chao Li-chien ha accusato gli Stati Uniti di violare lo spirito delle Olimpiadi e di voler intervenire nei Giochi “sulla base di pregiudizi ideologici, bugie e voci”. Ha anche promesso che Washington avrebbe pagato per il trasferimento.

Boicottaggi storici

Nella storia delle Olimpiadi invernali non ci sono mai stati dei boicottaggi. Cosa dversa nel caso delle Olimpiadi estive. Gli atleti di un gruppo di paesi non hanno partecipato ai Giochi in sette occasioni. I più memorabili furono durante la Guerra Fredda. Nel 1980, circa 65 stati si ritirarono dalla partecipazione ai Giochi di Mosca a causa dell'occupazione sovietica dell'Afghanistan. In risposta, l'Unione Sovietica e 14 stati del blocco orientale (esclusa la Romania) hanno boicottato le Olimpiadi di Los Angeles nel 1984. Hanno tenuto la loro competizione, i Giochi dell'amicizia, a Mosca.