EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Gran Bretagna nessuna carenza di benzina. La conferma di Londra

Gran Bretagna nessuna carenza di benzina. La conferma di Londra
Diritti d'autore Ουρές έξω από βρετανικό πρατήριο καυσίμων
Diritti d'autore Ουρές έξω από βρετανικό πρατήριο καυσίμων
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Londra rassicura gli automobilisti: nessuna carenza di carburante. Nei distributori lunghe code. Mancano i camionisti e il governo concede altri 5000 permessi di lavoro temporanei

PUBBLICITÀ

La Gran Bretagna sta facendo i conti con la Brexit ma da Londra arriva una notizia che dovrebbe rassicurare i cittadini. La benzina non manca. A dichiararlo il Segretario di Stato per i trasporti del Regno Unito, Grant Shapps, dopo che migliaia di automobilisti sono rimasti bloccati nel traffico per il terzo giorno in tutto il paese.  

Stazioni di servizio chiuse, carburante razionato a causa di un’interruzione dell'approvvigionamento per la carenza di camionisti. La drastica carenza di autisti di mezzi pesanti nel Regno Unito dopo l’uscita del paese dall’Ue - ne mancano centomila secondo le stime della categoria - ha colpito anche i benzinai, costretti a rimanere chiusi per mancanza di rifornimenti.

Grant Shapps ha sottolineato che nelle sei raffinerie e nei 47 impianti di stoccaggio c'è parecchio carburante, chiedendo alle persone di non farsi prendere dal panico. “Gli automobilisti possono continuano a fare benzina come sempre, niente più code o carenza nei distributori.” Il Segretario ai trasporti aveva confermato l’impegno del governo a rivedere le politiche di immigrazione. Londra sta rilasciando altri 5000 permessi di lavoro temporanei a cittadini dell’Unione europea e potrebbe concedere ulteriori visti d'ingresso. Il tutto per agevolare il commercio, l’economica e i lavoratori.

La ricerca di camionisti britannici

La Road Haulage Association e altre associazioni di settore avevano chiesto di poter reclutare lavoratori dall’Unione Europea per far fronte alla carenza di 100mila camionisti, problema che con la pandemia e la Brexit si è fatto sentire ancora di più.

Il Governo aveva rifiutato la richiesta, ordinando invece alle società del settore di reclutare e addestrare camionisti britannici. Ma il premier Boris Johnson aveva detto stop al personale straniero. Ora la marcia indietro.

La mancanza di conducenti di mezzi pesanti si è aggravata dall’inizio dell’anno (quando molti europei hanno lasciato il Regno Unito) e ora sta peggiorando. Con il Natale che si avvicina, è facile prevedere che, in mancanza di interventi, il problema non potrà che aggravarsi.

Nei supermercati e in molti negozi iniziano a scarseggiare anche molti prodotti alimentari. Il Paese rischia di andare incontro a quello che i media locali hanno già ribattezzato, prendendo in prestito la celebre citazione del Riccardo III di Shakespeare, l’inverno del malcontento

Risorse addizionali per questo articolo • ANSA, Reuters

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Josep Borrell: "Difficile conciliare il sostegno a Israele e allo stato di diritto"

Vladimir Putin in visita in Bielorussia. Previsto un vertice con Lukashenko

Germania: il premier portoghese Luís Montenegro in visita a Berlino da Olaf Scholz