"Non sono le disabilità che contano ma le abilità"

In collaborazione con The European Commission
"Non sono le disabilità che contano ma le abilità"
Diritti d'autore euronews
Di Aurora Velez
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dimitris Lambrianides è il cervello all'origine del progetto Ue Ermis II. Dimitris considera la disabilità una situazione artificiale, dovuta al fatto che il nostro ambiente non è accessibile a tutti.

Dimitris Lambrianides, presidente dell'Organizzazione paraplegici di Cipro, è il cervello all'origine di Ermis II, un progetto finanziato dalla politica di coesione europea che consente alle persone con mobilità limitata di approfittare della spiaggia e del mare come chiunque altro, in particolare grazie a una carrozzina anfibia.

Dimitris considera la disabilità una situazione artificiale, dovuta al fatto che il nostro ambiente non è accessibile a tutti. Se lo rendessimo accessibile, inclusivo, la disabilità non esisterebbe. Ermis II onora l'accessibilità in quanto diritto umano.

"Viviamo in un'epoca in cui non sono le disabilità che contano, ma le abilità - osserva. - Dobbiamo offrire alle persone disabili infrastrutture che consentano di sfruttare al meglio le loro abilità. Devono partecipare alla vita di tutti i giorni, perché la loro partecipazione aiuterà la società a migliorare".

Ma Ermis II non si rivolge solo a paraplegici o disabili a vita, spiega: "Ci fa piacere che l'infrastruttura per persone con gravi disabilità motorie sia utile agli anziani, alle donne incinte e alle persone con infortuni temporanei, e ci fa piacere vedere persone che se ne servono e persone che si rendono conto quest'infrastruttura migliora la qualità di vita di tutti".

Un progetto che dà grandi soddisfazioni: "Uno dei momenti più importanti è stato quando una persona disabile mi ha detto che era la prima volta, che non era potuta andare in spiaggia da quando era diventata disabile - racconta  Dimitris -. Mi ha fatto estremamente piacere sentire che questa persona poteva godersi di nuovo la spiaggia. Pensiamo che sia estremamente importante che grazie a questa macchina una persona paraplegica possa andare in spiaggia da sola, uscirne e tornare a casa senza dipendere da nessuno. L'autonomia è molto importante per le persone disabili".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Teatro senza barriere: attori con disabilità sul palcoscenico

Giappone: un negozio lotta contro l'invisibilizzazione delle persone con disabilità

Come comunicare correttamente la disabilità? “Le parole giuste – Media e persone con disabilità"