A Bruxelles si apre il Festival del Fumetto

frame
frame Diritti d'autore frame
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per un mese nella capitale belga decine di mostre e incontri coi grandi disegnatori e i giovani talenti

PUBBLICITÀ

Resterà aperto fino al 10 ottobre a Bruxelles il Festival del Fumetto, che quest'anno torna con qualche modifica organizzativa, sia in termini di tempo che di spazio. Quest'anno l'evento durerà un mese intero, e le esposizioni sono disseminate per tutta a città. Al Festival sono presenti i grandi nomi del fumetto mondiale, e non mancano i giovani talenti.

Micha Kapetanovic, direttore: "Durante questo mese abbiamo più di 10 mostre in cartellone. In questa galleria nel centro di Bruxelles, ad esempio, sono ospitate due mostre. Una è quella attorno a noi, e che si chiama Tanz. Sopra c'è l'altra, dedicata ai 75 anni di Lucky Luke, un grande personaggio del fumetto di Bruxelles. Sono mostre che vogliono essere il più coinvolgenti possibile, per presentare i fumetti sotto una luce più attuale e contemporanea.

Ospite d'onore di questa edizione del Festival del Fumetto è la Corea del Sud e la sua tradizione consolidata nel genere manga. Alle affinità e alle differenze tra i fumetti belgi e quelli coreani è dedicata una intera mostra, dal titolo "parliamo coi fumetti", dalla quale emergono soprendenti analogie.

Myeong-Hwan Shin, curatore della mostra: "Al centro c'è la comunicazione e il dialogo, e tutto passa attraverso i fumetti, anche se non si parla la stessa lingua. Poi ci sono i tratti specifici di ciascun autore: dalla scelta dei temi a quella degli stili. Davanti ai fumetti ciascuno può trovare se stesso, come davanti a uno specchio"

Nonostante le limitazioni dovute alla pandemia, l'esposizione di Bruxelles ha registrato già all'apertura un grande successo di pubblico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

State of the Union: Decisioni su clima, trasparenza e migrazione

Indagini in Belgio sulla rete di influenza russa sospettata di aver pagato gli eurodeputati

Persi 33 milioni di euro all'ora, le ong: "Fate pagare più tasse agli ultra ricchi"