EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Belgio: il disordine post traumatico degli scampati all'alluvione

Trooz in Belgio
Trooz in Belgio Diritti d'autore FRANCOIS WALSCHAERTS/AFP or licensors
Diritti d'autore FRANCOIS WALSCHAERTS/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Disordine da stress post-traumatico e ansia: sono i sintomi dei residenti delle città distrutte dall'alluvione in Belgio. Il caso di Trooz in Vallonia

PUBBLICITÀ

La devastazione è avvenuta in un lampo, ma il recupero richiederà molto più tempo.
Gli abitanti della città belga di Trooz in Vallonia hanno conosciuto la furia dell'acqua: l'inondazione ha travolto case, automobili, distrutto strade.
Chi è scampato alla morte, deve affrontare adesso un carico emotivo importante.
I residenti sperimentano sintomi di disordine da stress post-traumatico e ansia.

"Sentiremo i rumori dell'inondazione per il resto della nostra vita. Siamo traumatizzati. Fa una grande impressione. Vediamo macchine trascinate via, sentiamo l'acqua, è atroce", dice Eric Mouqué, che a Trooz vive con la moglie Cindy.

"Per me, sono l'odore e il rumore a sconvolgermi - dice lei - Il rumore: ogni volta che sento sbattere una porta, quando qualcosa cade per terra, trasalisco".

Anche Carine Lacroix abita a Trooz. Dice che ora è necessario recuperare quello che non è andato distrutto: "Ci sono degli psicologi che girano per il quartiere per parlare un po' con noi - racconta Lacroix - ma, per ora, non abbiamo tempo di parlare. Dobbiamo svuotare e ripulire i locali pieni di detriti e fando e stiamo cercando di salvare un paio di cose".

L'inondazione ha distrutto diverse città, lasciando tonnellate di detriti nella sua scia in uno dei più violenti disastri naturali degli ultimi tempi in Belgio.

"È chiaramente un trauma profondo ed è per questo che pensiamo che sia necessario creare una struttura a lungo termine per questa gestione - spiega lo psicologo Etienne Vendy - Per le vittime che hanno vissuto l'inferno, questo rimarrà per sempre nei loro corpi e nelle loro menti. Questo è sicuro".

Complessivamente, 41 persone sono rimaste uccise a Trooz e due erano ancora disperse mercoledì. Un giudice belga ha avviato un'indagine per omicidio colposo sulle morti causate dalle inondazioni: la magistratura intende chiarire se ci siano delle responsabilità e se il sistema di allerta abbia fallito.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rifugiati climatici: quando è necessario scappare da siccità e inondazioni

Maltempo in Europa, in Svizzera e Belgio torna la paura

Giornata di lutto in Belgio: un minuto di silenzio per le vittime delle alluvioni