This content is not available in your region

La nuova Pac non piace a tutti

Access to the comments Commenti
Di Gregoire Lory
euronews_icons_loading
La nuova Pac non piace a tutti
Diritti d'autore  JOHN THYS/AFP

È in corso la riforma della PAC, la Politica Agricola Comune. Una delle misure faro di questo nuovo progetto è l'attuazione di eco-regimi. Il principio è semplice: concedere bonus ai produttori che si impegnano in pratiche più favorevoli all'ambiente. In Belgio, i primi interessati fanno i calcoli e il risultato non è dei migliori.

Dominique Lebrun: "Per me, le cose stanno andando troppo velocemente, troppo velocemente e senza essere preparati a tutto questo. Sì, ci spieganoqualcosa, ma abbiamo bisogno di misure, dobbiamo mettere tutto in atto ed è un grande cambiamento e con budget molto pianificati. Per la nostra azienda perdiamo 10.000 euro da un anno all'altro. Abbiamo delle compensazioni, ma non saranno mai all'altezza del deficit di 10.000 euro. Avremo meno guadagni e non c'è nessuno che ci ripagherà le perdite".

Per ottenere questi premi, gli agricoltori possono valorizzare i prati per il loro ruolo di stoccaggio del carbonio, ridurre i prodotti fitosanitari, istituire un maggese per la biodiversità. A capo della sua azienda agricola di famiglia in Vallonia, Dominique Lebrun produce barbabietole e patate. Possiede anche una quarantina di bovini e tre pollai mobili. Ma la cosa non le piace: questo dispositivo fa dimenticare l'essenziale: sfamare i cittadini.

Dominique Lebrun: "Non è questo che darà da mangiare a tutti. Dobbiamo ancora sfamare il mondo, la sovranità alimentare è qualcosa di essenziale Siamo sopravvissuti alla pandemia ma se fossimo in carestia, cosa accadrebbbe?Quando abbiamo iniziato il confinamento, tutti sono venuti qui per prendere le mie uova. Si sono messi in fila dalle 10 del mattino. La gente aveva paura, aveva paura. Aveva paura del cibo. E questo è già dimenticato! Se siamo venuti un po' con quello più spesso nella nostra testa potremmo anche pensare che dobbiamo produrre e che dobbiamo sfamare le persone”.

Questi eco-regimi rappresenteranno il 25% degli aiuti diretti ai produttori a partire dal 2023. Per la Federazione vallone dell'agricoltura, il dispositivo è encomiabile ma è troppo brusco.

Isabelle Jaumotte Conederazione Vallone Agricoltura:  “Ciò che è problematico nel modo in cui è sviluppato, è questo modo di rendere obbligatorie alcune situazioni scegliendo dicendo: è volontario e convinceremo i contadini. Ancora una volta, l'azione è troppo brutale. Non so a chi oggi converrebbe dire: spendo un quarto del mio stipendio per fare qualche scelta a favore dell'ambiente, non so francamente quale cittadino accetterebbe di farlo”.

La Federazione vallona sottolinea che il settore ha ridotto le proprie emissioni di gas serra del 20% negli ultimi 30 anni. Per il momento, i produttori stanno facendo del loro meglio per adattare al meglio le nuove misure per ambiente al loro budget.