This content is not available in your region

I malati di cancro dimenticati durante la pandemia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  THOMAS SAMSON/AFP or licensors

Dopo mesi e mesi di lotta contro il COVID, una nuova crisi si profila all'orizzonte e tutti conosciamo qualcuno che è stato colpito ... dal cancro.

Numerosi casi di cancro non sono stati diagnosticati in Europa, a causa della pandemia e delle restrizioni imposte, questo secondo i nuovi dati dell'organizzazione europea del cancro. I ricercatori sono allarmati.

Professor Mark Lawlor, ricercatore sul cancro, Queen's University Belfast: "I nostri dati, da una prospettiva paneuropea, suggeriscono che potrebbero esserci un milione di casi di cancro non diagnosticati in Europa durante la pandemia. Abbiamo anche visto una significativa diminuzione di test screening. Addirittura un milione di essi non è stato eseguito in Europa durante la pandemia. E questo puo' portare al fatto che la diagnosi viene ritardata. E se il cancro viene diagnosticato tardi significa che è molto più difficile da trattare e c'è molto più rischio che le persone muoiano a causa della malattia. Abbiamo anche scoperto che un malato di cancro su cinque in Europa non riceve ancora il trattamento chirurgico o chemioterapico di cui ha bisogno".

Anche gli studi clinici e la ricerca sul cancro si sono interrotti a causa di COVID. Alcuni temono che si possano perdere 18 mesi di progresso.

Per il MEPS, che fornisce i dati al Parlamento europeo a Bruxelles questa settimana, è tempo di riportare i malati di cancro e la ricerca sul cancro al centro della scena.

L'eurodeputata francese Véronique Trillet-Lenoir, Renew Europe: "I pazienti di cancro hanno avuto un doppio dolore durante questa pandemia. Innanzitutto perché, a causa della loro malattia e delle loro cure, sono fragili".

Durante il blocco è stato impedito loro di recarsi in ospedale per la diagnosi e per le cure.

La domanda è: si trarranno lezioni dal Covid19 e i futuri malati di cancro saranno in grado di ottenere le cure e le cure di cui hanno bisogno in tempo?

Ancora l'eurodeputata francese Véronique Trillet-Lenoir, Renew Europe: "L'UE cercherà di fare meglio in futuro per proteggere meglio i pazienti di cancro e i pazienti di malattie croniche se si ripresenta una crisi come questa. Dobbiamo continuare a valutare l'impatto del Covid su questi tipi di malattie e dobbiamo anche continuare quello che stiamo facendo e dare priorità ai vaccini per i pazienti di cancro che sono particolarmente fragili".

Fragili e stanchi dopo mesi di una sofferenza accessoria e forse non necessaria.