EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Una strategia europea per salvare le foreste

Una strategia europea per salvare le foreste
Diritti d'autore Isabel Marques da Silva/euronews
Diritti d'autore Isabel Marques da Silva/euronews
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'oro verde europeo rischia di soccombere a causa dei cambiamenti climatici e le coltivazioni intensive. La Commissione europea ha lanciato una consultazione per raccogliere idee per i prossimi decenni.

PUBBLICITÀ

Le foreste sono l’ “oro verde" dell'Unione europea, e rappresentano il 43% della sua superficie terrestre. Ma devono affrontare diverse sfide dappertutto.

Ad esempio in Belgio, dove solo il 23% del territorio è coperto da foreste, colpite da siccità e parassiti.

Per far fronte all’emergenza presso la riserva naturale del Monte Saint Pierre il mese scorso sono stati piantati Tremila alberi - dai faggi alle querce e agli aceri.

Pierre Hermans, consulente forestale per ReforestAction spiega che “la difficoltà è trovare terra disponibile. Siamo tanti abitanti, abbiamo molte attività, c'è necessariamente concorrenza per l'uso del suolo, per fini urbanistici e agricoli. C'è molto lavoro da fare nelle foreste per ripristinare gli ambienti, per migliorare la biodiversità e per renderle più efficienti in termini di assorbimento delle emissioni di carbonio ".

Il 3 marzo, si celebra la Giornata mondiale della fauna selvatica che quest’anno è intitolata "Foreste e mezzi di sussistenza”. Le Nazioni Unite chiedono una gestione più sostenibile.

Le foreste hanno anche un enorme valore economico, soprattutto per industrie come quella farmaceutica, dei mobili, della carta, o per il turismo per esempio. In Europa il 60% delle foreste è nelle mani di proprietari privati ​​e offre più di tre milioni di posti di lavoro ai cittadini europei.

La Commissione Europea vuole che gli Stati membri piantino almeno 3 miliardi di alberi entro il 2030.

E ha lanciato una consultazione pubblica che terminerà a metà aprile, per raccogliere idee per la nuova strategia forestale dei prossimi decenni.

La Confederazione dei proprietari forestali europei chiede un sostegno ai 16 milioni di operatori privati per finanziare le infrastrutture, ma anche le operazioni forestali. La formazione è fondamentale, in particolare nel contesto del cambiamento climatico. “Dobbiamo adattare la gestione delle foreste ai cambiamenti climatici, quindi i proprietari delle foreste devono essere formati per prendere le migliori decisioni per gestire le foreste e tali decisioni devono essere valide per i prossimi decenni” afferma Fanny-Pomme Langue, segretario generale presso la Confederazione europea dei proprietari di foreste.

Il Parlamento europeo ha approvato lo scorso ottobre due risoluzioni sulla gestione sostenibile delle foreste.

"Vogliamo che l'UE stabilisca obiettivi giuridicamente vincolanti per la protezione e il ripristino delle foreste europee: c’è bisogno di una protezione rigorosa. La Commissione deve seguire una politica di tolleranza zero e avviare procedure di infrazione presso la Corte di giustizia europea se gli Stati membri non applicano la normativa esistente”, afferma Delara Burkhardt, membro della Commissione per l’ambiente.

Negli ultimi cinque anni circa 8 miliardi di euro di fondi dell'UE sono stati assegnati alla gestione delle foreste: rimboschimento, resilienza e prevenzione dei danni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, forze armate di Kiev: "Nemico impantanato a Vovchansk", due morti in Crimea

Elezioni europee: Sánchez presenta la campagna del Psoe a Valencia

Lisbona, uomo arrestato per allarme bomba vicino alla sede del partito Chega