EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La Ue converge su misure contro Ankara. Ma non sa quando, e se, adottarle

La Ue converge su misure contro Ankara. Ma non sa quando, e se, adottarle
Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Ue converge su misure contro Ankara. Ma non sa quando, e se, usarle

PUBBLICITÀ

La Turchia di Erdogan conquista la platea al consiglio dei ministri degli esteri della Ue. Il gioco a più livelli di Ankara crea scompiglio nell'Unione europea. L'ultimo grattacapo è la trasformazione di santa Sofia in Moschea dopo essere stato un monumento ecumenico per oltre ottant'anni.

Questo naturalmente fa infuriare il mondo ortodosso da Atene a Mosca. Prorio Grecia e Russia con le quali la Turchia ha delle relazioni complesse in tutta l'area di Mediterraneo e dintorni: Mesopotamia, Mar Egeo, Cipro e Libia.

Tensioni che riguardano i migranti, il controllo dei giacimento marini di idrocarburi e l'esplosiva sovranità di Cipro.

Ma Joseph Borrell, l'Alto rappresentante Ue per la politica estera, deve fare i conti con un Europa divisa tra falchi e colombe su come trattare con la Turchia ed è costretto ad acrobazie verbali che sfidano il sillogismo, eccone un esempio:

"C'è consenso tra gli stati membri affinché il sottoscritto vice-presidente dela commissione, possa cercare altre soluzioni che abbassino la tensione su alcune questioni tra la Turchia e l'Unione europea. Poi, proporrò delle opzioni per rispondere aille sfide poste dall'agire politico della Turchia".

In poche parole, tutti riconoscono che il rapporto con la Turchia è complesso, ma c'è divergenza su come agire verso Ankara. Cooperazione a oltranza o isolamento diplomatico?

Per chi crede nella prima ipotesi, come Italia e Germania, Ankara è un rischio che ben gestito può trasformarsi in opportunità.

Chi invece predilige la seconda opzione è convinto che la Turchia di Erdogan abbia superato i limiti consentiti dalla normale rivalità tra Paesi, e sia ormai passata alla categoria di minaccia. Così la vedono Grecia e Francia.

Ed su questa scivolosa base che il Capo della diplomazia Ue Borrell dovrà fornire entro agosto delle misure pronte all'uso, nel caso in cui i turchi dovessero minacciare la sovranità greca nelle acque di Creta o quella cipriota.

Nikos Dendias, il ministro grego degli esteri, pensa di lasciare Bruxelles con un buon successo diplomatico, e al contrario di Borrell, parla chiramente di un'ipotesi "sanzioni nel caso in cui la Turchia dovesse mostrare aggressività" per quanto riguarda la sovranità marittima greca.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti dalla Turchia alla Grecia: arresti ed espulsioni immediate

Il grosso problema dell'intervento di Frontex al confine Grecia-Turchia

Migrazione, Accordo Ue-Turchia in bilico