La Volkwagen alla sbarra anche in Europa

La Volkwagen alla sbarra anche in Europa
Di Paolo Alberto Valentieuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Europa Ci sono ancora 8 milioni e mezzo di clienti Volkwagen che non sono stati rimborsati dopo lo scandalo dieselgate, quando la maggiore casa automobilistica tedesca ha venduto veicoli con emissioni tossiche fuori norma

PUBBLICITÀ

A 4 anni dallo scandalo dieselgate chi ne ha fatto le spese non è ancora stato risarcito in Europa. Per questo l'organizzazione olandese Diesel Emissions Justice Foundation (DEJF) ha riunito esperti e avvocati internazionali per avviare un procedimento contro Volkswagen. La class action è stata lanciata a Bruxelles.

Azione legale per risarcire 8,5 milioni di clienti

"La Fondazione spicca un'azione legale paneuropea, contenzioso in tutti i paesi, contro la VW - spiega l'avvocato Geert Lenssens - al fine di rimborsare gli 8,5 milioni di sfortunati clienti Volkwagen".

L'imbroglio della casa automobilistica tedesca

Nel 2015 fu scoperto che Volkwagen vendeva automobili con emissioni nocive e tossiche fuori norma. Negli Stati Uniti e in Australia c'è stato un accordo amichevole di miliardi di dollari ma non in Europa. Gli avvocati battono sul "certificato di conformità" obbligatorio per i veicoli. Sentiamo un altro avvocato: "Se questo certificato non riflette le vere emissioni non è valido. E se il certificato non è valido i veicoli non possono essere venduti, assicurati, non possono nemmeno essere messi su strada. Abbiamo fatto una prova con la giustizia belga, con un caso pilota e il giudice ha annullato la vendita del veicolo, la macchina è stata ritirata dal venditore che ha dovuto risarcire il cliente." Sostiene il giurista Laurent Arnauts.

Una causa a costo zero per il cliente truffato

Per gli avvocati coinvolti, si tratta di dare giustizia a tutti i proprietari di auto. La DEJF ha trovato finanziamenti per sostenere il caso. La partecipazione è gratuita per i proprietari di auto. Anche il mondo universitario si è interessato allo scandalo del settore automobilistico. "È iniziato nei Paesi Bassi a settembre 2019 e ora è stato lanciato in Belgio e molti diversi stati membri dell'Unione Europea si accodano - ammette la professoressa Maria Jose Azar-Baud dell'università parigina Saclay - Sono molto ottimista perché questo non è solo il modo di aiutare i consumatori a ottenere un risarcimento, ma aiuta anche la VW a gestire la sua immagine, a riscattarsi ed archiviare il passato andando avanti".

Tagli ai posti di lavoro

Intanto Audi (della galassia VW) taglia fino a 5 mila posti di lavoro in due sue fabbiche tedesche proprio sull'onda lunga del dieselgate che aveva fatto crollare il numero delle auto prodotte a tutto vantaggio dei concorrenti Daimler e Bmw.

La dimensione del calo di Audi

Finora era previsto un taglio fino a 5000 posti di lavoro. Dopo la riduzione rimarranno nei due stabilimenti tedeschi di Neckarsulm e Ingolstadt 50.000 persone, riferisce il quotidiano Handelsblatt.

Volkswagen cerca intanto di diversificare e sta programmando enormi finanziamenti per la ricerca dell'auto elettrica. Ovviamente in soccorso arriva anche il governo della Merkel che prevede grandi incentivi per chi compra auto elettriche.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Frenare l'immigrazione irregolare per fermare l'estrema destra, secondo Manfred Weber

L'Unione europea si sente "affaticata" dalla guerra in Ucraina?

La direttiva Ue sulle "querele bavaglio" ai giornalisti sta per vedere la luce