EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

The Brief From Brussels: la giustizia europea condanna la Polonia

The Brief From Brussels: la giustizia europea condanna la Polonia
Diritti d'autore REUTERS/Kacper Pempel/File Photo
Diritti d'autore REUTERS/Kacper Pempel/File Photo
Di Elena Cavallone
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La riforma del sistema giudiziario viola lo stato di diritto, secondo i giudici europei. Per Varsavia si tratta di una sentenza ingiusta.

Violazione dello stato di diritto

PUBBLICITÀ

La Polonia ha violato lo stato di diritto dell'Unione europea. Questa la pronuncia della corte europea di giustizia, emessa martedi. Il partito al potere aveva introdotto una riforma della giustizia nel 2017, abbassando l'età pensionabile a 60 anni per le donne e 65 anni per gli uomini. L'obiettivo era di sbarazzarsi dei "giudici con un passato comunista".

"Sono molto lieta di vedere che la Corte di giustizia europea vigili sull'indipendenza del sistema giudiziario negli stati membri d'Europa", afferma l'eurodeputata olandese Sophie In't Veld. "Penso che sia un segnale molto chiaro per qualsiasi governo che voglia tentare di attaccare il sistema giudiziario. Questo non è accettabile nell'UE".

La sentenza afferma che la riforma mina l'indipendenza dei magistrati e introduce una discriminazione tra i sessi, prevedendo età pensionabili distinte.

Per Sergey Lagodinsky, eurodeputato tedesco dei Verdi "la Corte di giustizia ha affermato che fondamentalmente lo stato di diritto è tangibile. Perché molto spesso Varsavia e Budapest sostengono che lo stato di diritto è un concetto molto vago. Non è vago. È un concetto alla base del sistema giudiziario, delle norme e fa parte della nostra tradizione. E questo ne è una prova. Questa è una vittoria per lo stato di diritto come concetto ".

Il ministero degli Esteri polacco ha dichiarato che la sentenza è ingiustificata, in quanto l'anno scorso Varsavia ha equiparato l'età pensionabile per tutti i giudici.

L'appello dell'Amazzonia a Bruxelles

Dall'Amazzonia a Bruxelles i leader indigeni della foresta pluviale scendono in strada per chiedere la fine delle violazioni dei diritti umani nella regione. Violazioni che, sostengono, siano guidate dallo sfruttamento incessante delle risorse naturali. L'Europa e il governo brasiliano sono i responsabili.

"Oggi siamo qui per denunciare la violazione dei diritti delle popolazioni indigene, delle leggi ambientali e delle organizzazioni indigene del Brasile da parte dell'attuale governo", grida un'attivista.

Indigeni dell'Amazzonia davanti al palazzo della Commissione europea

Secondo gli indigeni gli abusi sono aumentati da quando le società europee hanno iniziato a investire pesantemente nella regione. L'accordo commerciale tra l'UE e il Mercosur è parte del problema.

"L'Europa lo sa, l'Europa è consapevole del crimine che stanno commettendo; ha bisogno di rivedere le sue spese e ciò che acquista dal Brasile, principalmente il legno perché è questo commercio che sta uccidendo i nostri popoli ".

Con le risorse limitate nella regione, molti sono costretti a una vita ai limiti della sopravvivenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, le imprese bocciano i programmi della destra di Bardella e del fronte delle sinistre

Esclusivo: Renew Europe non espelle gli olandesi del Vvd nonostante l'accordo con l'estrema destra

Guerra in Ucraina: la Romania fornirà un sistema di difesa aerea Patriot a Kiev