Protesta dei taxi contro Uber a Bruxelles

Protesta dei taxi contro Uber a Bruxelles
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Oltre 700 taxi hanno bloccato Bruxelles per manifestare contro un progetto di legge della regione belga che consentirebbe ai privati di effettuare un

PUBBLICITÀ

Oltre 700 taxi hanno bloccato Bruxelles per manifestare contro un progetto di legge della regione belga che consentirebbe ai privati di effettuare un servizio di trasporto, in modo occasionale.

Per i tassisti equivale ad auturizzare Uber, la piattaforma taxi low cost nata in America, che sta mettendo a soqquadro il settore in Europa.

“Uber sta uccidendo posti di lavoro dei taxi legali che lavorano legalmente e pagano le tasse, mentre gli altri conducenti hanno un altro modo di lavorare, non pagano le tasse e posso offrire servizi meno cari”- dice un tassista.

Servizi meno cari ma non minori garanzie- ha sottolineato un altro conducente:
“Un gruppo di persone chiama il sistema Uber, c‘è un problema sulla strada e il taxi Uber ha un incidente e ci sono dei feriti. Chi ripagherà la persona che si è ferita gravemente? L’assicurazione non paga gli indennizzi come avviene invece per i tassisti regolari. Io pago 3500 euro d’assicurazione perché copriamo tutti i passeggeri!”

Al corteo belga hanno partecipato anche diversi tassisti provenienti dalla Francia, per manifestare solidarietà a livello europeo. Uber è presente in 55 paesi al mondo, in Italia opera a Roma, Milano e Torino e Padova.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Sinistra europea fissa gli obiettivi per le elezioni di giugno

La rabbia degli agricoltori europei: a Bruxelles contro le logiche neoliberiste

Elezioni: la sinistra sceglie Walter Baier per la Commissione europea