This content is not available in your region
Cina: città-spugna per prevenire le inondazioni
Diritti d'autore  Turenscape

Cina: città-spugna per prevenire le inondazioni

La sopravvivenza e lo sviluppo dell'umanità dipendono dall'acqua. La domanda globale di acqua è aumentata di quasi otto volte tra il 1900 e il 2010 a causa di fattori come la crescita della popolazione, lo sviluppo economico e i cambiamenti nella dieta.

Ma in Cina, una delle economie in più rapida crescita del mondo, questa risorsa vitale si sta esaurendo. Gli 1,4 miliardi di abitanti del paese hanno bisogno dell'acqua, ma è diventata una risorsa limitata e distribuita in modo ineguale.

Dopo decenni di urbanizzazione e inquinamento, il paese si trova ora ad affrontare sia la carenza d'acqua che le inondazioni, peggiorate dagli effetti del cambiamento climatico. Inoltre l'inquinamento sta peggiorando la qualità dell'acqua, il che significa che gran parte dell'acqua disponibile è inutilizzabile. Anche la gestione insufficiente delle risorse locali gioca un ruolo.

La situazione è particolarmente critica nel nord del paese, alle prese con carenze d'acqua per tutto l'anno, mentre la Cina meridionale deve fare i conti con il problema solo in alcuni periodi dell'anno. L'80% dell'acqua è concentrata nel sud della Cina, eppure il nord è il cuore dello sviluppo nazionale.

Anche le inondazioni sono un problema enorme. Il cambiamento climatico sta causando piogge e tempeste più pesanti, che colpiscono vaste aree della Cina meridionale, compreso il bacino dello Yangtze e i suoi affluenti. Nel luglio 2021, stando al New York Times, nella città cinese di Zhengzhou sono state registrate le piogge più abbondanti in un millennio e inondazioni devastanti che hanno ucciso almeno 300 persone e costretto 1,24 milioni di residenti a lasciare le loro case.

Cosa si sta facendo per affrontare questa crisi idrica e impedire che le inondazioni peggiorino?

Le "città spugna", possibile soluzione alla crisi idrica

Una "città spugna" è una soluzione basata sulla natura che utilizza il paesaggio per trattenere l'acqua alla fonte, rallentarne il flusso e pulirla per destinarla ad altri usi durante il processo. L'obiettivo è quello di trattenere l'acqua piovana nelle aree urbane impermeabilizzando il terreno in modo che parte di essa evapori e il resto venga gradualmente drenato. Oltre a impermeabilizzare le strade e i marciapiedi, si piantano più alberi e si costruiscono edifici intelligenti. Questo significa che i tetti sono coperti di erba per un maggiore assorbimento dell'acqua e gli edifici sono pitturati con colori chiari per riflettere il calore invece di assorbirlo. Tutto questo permette di contenere le inondazioni.

Il concetto di città spugna è stato proposto da un gruppo di ricercatori cinesi nel 2013: il professor Kongjian Yu è la mente dietro al progetto. Yu è un urbanista e un architetto del paesaggio. È anche professore di architettura del paesaggio all'Università di Pechino e fondatore dello studio di pianificazione e design Turenscape a Pechino.

Turenscape
Tianjin Wetland Park, CinaTurenscape

Prendendo ispirazione dalle strategie internazionali di gestione integrata delle acque urbane (IUWM), compresi i sistemi di drenaggio sostenibile (SuDS) visti nel Regno Unito o gli sviluppi a basso impatto (LID) negli Stati Uniti, le città spugna di Yu mirano a controllare le inondazioni urbane, l'inquinamento idrico e a riciclare l'acqua piovana.

Scientificamente parlando, le città spugna devono essere:

  • Adattabili all'ambiente
  • Sistematiche e complete
  • Rispettose dell'ambiente

"Anche se l'infrastruttura grigia di cemento, acciaio, tubi e pompe, può essere necessaria per risolvere problemi individuali urgenti, consuma enormi quantità di cemento ed energia, manca di resilienza e spesso è a più alto rischio di disastro. Rompe la connessione tra uomo e natura", dice Yu a Euronews

"Ora più che mai - aggiunge - di fronte al cambiamento climatico globale e alle tecnologie industriali distruttive, dobbiamo ripensare il modo in cui costruiamo le nostre città, il modo in cui trattiamo l'acqua e la natura, e persino il modo in cui definiamo la civiltà. Le Sponge Cities sono ispirate all'antica saggezza dell'agricoltura e della gestione dell'acqua che usano strumenti semplici per trasformare la superficie globale su vasta scala in modo sostenibile".

Turenscape
Il fiume Haikou Meishe prima e dopo i lavori per trasformarlo secondo i canoni delle nuove "città spugna"Turenscape

Dove sono le città spugna della Cina?

Il "Qunli stormwater park" di 34 ettari nella città di Harbin, nel nord della Cina, è un esempio di città spugna di successo. Raccoglie, pulisce e immagazzina l'acqua piovana, proteggendo allo stesso tempo l'habitat naturale e fornendo un spazio verde pubblico.

"Una città spugna segue la filosofia dell'innovazione: una città può risolvere i problemi legati all'acqua invece di crearli. A lungo termine le città spugna ridurranno le emissioni di anidride carbonica e aiuteranno a combattere il cambiamento climatico", ha detto al Guardian Qiu Baoxing, ex vice-ministro degli alloggi e dello sviluppo urbano-rurale.

Il governo cinese ha già scelto 16 città pilota e ha assegnato a ciascuna di esse tra i 400 e i 600 milioni di yuan (circa 55 milioni di euro) per l'attuazione di strategie innovative di gestione dell'acqua. Queste includono Wuhan, Chongqing e Xiamen.

Turenscape
Qnuli Stormwater Park, CinaTurenscape

“La Cina sta implementando questi progetti su scala distrettuale e urbana, ad es. zone umide urbane o eco-corridoi”, racconta a Turenscape Nanco Dolman, che lavora nel gruppo Water Resilient Cities presso lo studio di ingegneria civile olandese Royal Haskoning DHV. "Sta dimostrando che il design ecologico può essere qualcosa di più di semplici tetti verdi e giardini pluviali: può essere un ripensamento rivoluzionario della trama stessa di una città".