Cinema, Juliette Binoche è la nuova presidente della European Film Academy

Juliette Binoche sostituisce Agnieszka Holland come nuovo presidente dell'Accademia del Cinema Europeo - nella foto alla prima della serie Apple TV+ "The New Look"
Juliette Binoche sostituisce Agnieszka Holland come nuovo presidente dell'Accademia del Cinema Europeo - nella foto alla prima della serie Apple TV+ "The New Look" Diritti d'autore Evan Agostini/Invision/AP
Diritti d'autore Evan Agostini/Invision/AP
Di David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'attrice francese premio Oscar sostituisce la regista polacca Agnieszka Holland, che è stata la prima donna presidente dell'EFA.

PUBBLICITÀ

L'attrice francese Juliette Binoche (Il paziente inglese, Il sapore delle cose) guiderà l'European Film Academy Board, succedendo alla regista polacca Agnieszka Holland (Spoor, Green Border), che preferisce dedicarsi completamente alla realizzazione di film.

La Binoche è stata proposta all'unanimità dai membri del consiglio dopo le dimissioni di Agnieszka Holland. "Non sono una persona che si fa da parte facilmente", ha spiegato Holland, "ma sono giunta alla conclusione che sono prima di tutto una regista. Ed è su questo che voglio concentrarmi negli anni a venire".

Uno dei film di Holland, Green Border, ha vinto il Premio Speciale della Giuria a Venezia lo scorso anno e la regista si sta preparando a iniziare le riprese del suo biopic su Kafka, Franz.

Sono giunta alla conclusione che sono prima di tutto una regista. Ed è su questo che voglio concentrarmi negli anni a venire.
Agnieszka Holland
Regista

Abbiamo intervistato la Holland in occasione degli ultimi European Film Awards, l'equivalente europeo degli Oscar, per parlare di Green Border e del panorama cinematografico europeo, dato che il ruolo di Presidente dell'EFA non solo "incarna ciò che l'Accademia vuole rappresentare", secondo l'organizzazione, ma rappresenta anche gli interessi dell'industria cinematografica europea.

La regista Agnieszka Holland
La regista Agnieszka HollandEuronews Culture

Nella sua recente dichiarazione, Holland ha aggiunto: "Mi sono sempre sentita onorata di ricoprire il ruolo di Presidente dell'European Film Academy, dopo Wim Wenders e Ingmar Bergman. Ma per me è giunto il momento di farmi da parte. Sapere che Juliette Binoche è disposta a raccogliere il testimone rafforza la mia sensazione che questa sia una decisione presa al momento giusto".

Holland, che è diventata presidente dell'EFA nel 2021, è stata la prima donna presidente del consiglio di amministrazione.

Per me è giunto il momento di farmi da parte. Sapere che Juliette Binoche è disposta a raccogliere il testimone rafforza la mia sensazione che questa sia una decisione presa al momento giusto.
Agnieszka Holland
Regista

Mike Downey, attuale presidente del consiglio di amministrazione, e il direttore generale dell'Accademia Matthijs Wouter Knol hanno ringraziato così la regista:  "Vogliamo onorare il desiderio di Agnieszka Holland e comprendiamo perfettamente che le responsabilità al di fuori del cinema, per quanto stimolanti e importanti, possono talvolta ostacolare la creazione di arte. Una decisione come questa ci fa anche capire quanto dobbiamo al lavoro di Agnieszka Holland per la nostra istituzione".

"A nome della European Film Academy, vorremmo ringraziarla per il suo enorme sostegno, la sua forza e la sua forte visione in tutte le funzioni che ha svolto all'interno della struttura dell'Accademia. Senza di lei, il lavoro svolto negli ultimi anni non sarebbe stato lo stesso, e certamente non sarebbe stato altrettanto piacevole."

La nomina di Binoche sarà effettiva ufficialmente il 1° maggio 2024. Binoche è l'unica donna ad aver vinto il premio come miglior attrice in tutti e tre i principali festival cinematografici europei: ha vinto la Coppa Volpi a Venezia per Trois Couleurs: Bleu nel 1993, l'Orso d'argento a Berlino per Il paziente inglese nel 1996 (per il ruolo che le è valso anche l'Oscar come miglior attrice non protagonista nel 1997) e la Palma d'oro a Cannes per Copia conforme (2010).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Record Store Day 2024: quali sono le uscite da tenere d'occhio?

"The Tortured Poets Department" di Taylor Swift: la recensione di Euronews Cultura

I vincitori del World Press Photo 2024: primo premio a uno scatto della guerra a Gaza