Visa for Music: a Rabat la quarta edizione della fiera musicale

Visa for Music: a Rabat la quarta edizione della fiera musicale
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una fiera della musica più che un festival, con l’obiettivo di promuovere la musica in Africa e nel Medio Oriente.

PUBBLICITÀ

Una fiera della musica più che un festival, con l’obiettivo di promuovere la musica in Africa e nel Medio Oriente. E’ il Visa for Music, giunto alla quarta edizione a Rabat, in Marocco. In programma workshop sulla produzione musicale, la gestione degli artisti e il marketing internazionale.

Tra i partecipanti il gruppo panafricano The Messengers of Messages. L’invito a unità, perdono e riconciliazione è il messaggio contenuto nella loro musica, ispirato dalle parole di Nelson Mandela. “Tutto quello che vogliamo – ha detto a euronews il leader Prince H. Malatsi – è usare la musica come strumento per girare il mondo e diffondere il nostro messaggio di pace”.

Sekou Kouyate è un virtuoso della kora. Originario della Guinea, è più noto in Europa che in Africa. Il Visa for Music gli ha permesso di creare una rete di contatti anche nel suo continente. “E’ andata molto bene – ha detto la sua manager – un sacco di gente l’ha visto suonare e abbiamo ricevuto inviti per diversi festival”.

L’artista congolose Francky Kanza ha appena pubblicato il suo secondo album. A Rabat ha diviso il palco con Seham Diminick, cantante della Costa d’Avorio. L’obiettivo di Francky è quello di ampliare il proprio pubblico: “Cerchiamo produttori, manager e promoter che abbiano la capacità di farci suonare davanti alle grandi platee”.

Sul palco anche gruppi non africani come i catalani Doctor Prats, gruppo fusion sulla scena da appena due anni. “E’ la prima volta che suoniamo in Africa, era un’occasione da non farsi scappare – ha detto a euronews uno dei componenti della band -. Qui ci sono molti addetti ai lavori, persone influenti nell’industria musicale che potrebbero farci ottenere altri concerti in Africa. Vedremo cosa ci riserverà il futuro.

I Mokoomba vengono da Victoria Falls, nello Zimbabwe. Cantano in inglese e in diverse lingue africane. Si sono già esibiti più volte in Europa e ora sono in tour per promuovere il nuovo album “Luyando”.

Tra gli artisti più apprezzati c‘è Lmoutchou, uno dei rapper più noti del Marocco. Canta i suoi versi in Darja, un dialetto arabo. “In Marocco – ci ha detto – non capiamo alcune lingue ma di sicuro capiamo quando ci troviamo di fronte un artista di livello. A me succede lo stesso quando suono davanti a degli stranieri, capiscono che ho qualcosa da dire”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La mostra di Burtynsky alla Galleria Saatchi "alza il sipario" sull'impatto dell'umanità sulla Terra

Lione, in mostra la bellezza degli animali più ordinari: l'antispecismo del fotografo Vincent Munier

"La tête froide", il primo film del documentarista Stéphane Marchetti tra thriller e umanità