EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

"Taba Naba", ovvero il canto dei coralli

"Taba Naba", ovvero il canto dei coralli
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

“Taba Naba” è una canzone tradizionale dei fanciulli di Cape York in Papua Nuova Guinea. Parla del piacere della pesca sugli scogli. “Taba Naba” è

PUBBLICITÀ

“Taba Naba” è una canzone tradizionale dei fanciulli di Cape York in Papua Nuova Guinea. Parla del piacere della pesca sugli scogli. “Taba Naba” è anche il titolo della mostra su aborigeni e Oceania aperta al Museo Oceanografico di Monte Carlo.

Robert Calcagno, direttore Museo Oceanografico di Monaco:
“Alberto I di Monaco ha creato questo Tempio del Mare più di un secolo fa per riunire nello stesso luogo entrambe le forze motrici della civiltà: l’arte e la scienza. Abbiamo realizzato questo progetto per presentare la cultura degli abitanti originari dell’Australia: aborigeni e isolani”.

La mostra è organizzata in tre sezioni complementari. La prima “L’Australia: Difendere gli oceani” illustra l’arte aborigena e comprende sei installazioni create da una cinquantina di noti artisti aborigeni che lanciano grida di allarme contro l’inquinamento degli oceani.

L’artista Brian Robinson ha modellato in alluminio i granchi mangrovia come invito a visitare queste terre lontane.

Brian Robinson, artista: “E’ un crostaceo che ho imparato a cacciare da bambino. Nello stretto di Torres ci calavamo in una barchetta di alluminio e impiegavamo circa un’ora per raggiungere le altre isole e le spiagge dei granchi mangrovia, affondavamo nel fango fino alle ginocchia a caccia di questi animali”.

Ken Thaiday è famoso per l’uso dei simboli dalla sua isola natale, Erub. Nella realizzazione dei corpicapi e degli oggetti tradizionali ha collaborato con lui un artista di Sydney, Jason Christopher.

Ken Thaiday, artista: “I colori che vediamo in questo copricapo cerimoniale rappresentano il mio popolo, quello dello Stretto di Torres, tutta la mia gente ha quei colori. Rappresenta un po’ tutto, le mangrovie, i pesci, le trappole per il pesce, le lance. Noi siamo tutto questo, noi gli isolani indigeni dello stretto di Torres, ecco quello che siamo e che facciamo”.

La seconda parte della mostra (“Living Waters”) presenta una selezione di dipinti aborigeni contemporanei della Collezione Sordello & Missana, nonché opere di artisti australiani invitati ad illustrare i temi interculturali della mostra.

Taba Naba resta aperta fino al 30 settembre 2016 a Monte Carlo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Moda, la Vogue Fashion Dubai Experience punta i rifletteori sugli stilisti emergenti

Star Wars, la moda degli ologrammi

TV superstar a Monte Carlo