EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Eurobarometro: gli europei sono preoccupati per l'inflazione, non più per il prezzo del gas

I prezzi del gas in Europa sono diminuiti drasticamente negli ultimi mesi. Per fortuna.
I prezzi del gas in Europa sono diminuiti drasticamente negli ultimi mesi. Per fortuna. Diritti d'autore Steven Senne/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Steven Senne/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Gli europei sembrano aver superato il momento peggiore della crisi energetica e ora si preoccupano di altro: innanzitutto, dell'inflazione, della crisi economica e del costo della vita. Solo dopo, sono preoccupati anche per la guerra in Ucraina

PUBBLICITÀ

Secondo l'edizione primaverile dell'Eurobarometro, la questione delle forniture energetiche, drammaticamente sconvolta dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, è uscita dalla top five delle preoccupazioni dei cittadini europei.

Lo studio, pubblicato lunedì 10 luglio, mostra che l'energia è scesa dal 3° al 6° posto nella lista delle "principali preoccupazioni a livello europeo".

I risultati sono stati compilati tra maggio e giugno nei 27 Stati membri dell'Unione europea e sono stati poi confrontati con i risultati dell'edizione invernale, relativa ai mesi di gennaio e febbraio.

L'inflazione e il costo della vita rimangono la principale preoccupazione per il 27% di tutti gli intervistati, seguiti da vicino dalla situazione internazionale (25%), un termine generico che si riferisce principalmente alla guerra in Ucraina.

Entrambi i temi sono, comunque, diminuiti negli ultimi sei mesi.

Geert Vanden Wijngaert/AP
"Solo il povero rimane quando il ricco scompare".Geert Vanden Wijngaert/AP

L'immigrazione, invece, è balzata al terzo posto (24%): un aumento che può essere attribuito ad una serie di recenti tragedie nel Mar Mediterraneo e ai persistenti problemi logistici (e politici) che molti governi europei (ad esempio, quello italiano) devono affrontare nell'accoglienza dei richiedenti asilo.

Il rinnovato interesse per la migrazione è stato rispecchiato dai leader dell'Ue, che hanno dato una nuova spinta politica per rinnovare le norme comuni in materia di asilo.
Ma il tema si dimostra sempre più "esplosivo" e imprevedibile, come dimostra il brusco crollo della coalizione di governo olandese e le dimissioni del premier Mark Rutte.

Il cambiamento climatico (22%) e la situazione economica (17%) completano la top five delle preoccupazioni dei cittadini europei.

Nel frattempo, l'energia registra il calo più evidente: dal 26% dell'Eurobarometro precedente al 16% dell'ultima edizione.
La Grecia è l'unico Stato membro dell'Ue in cui l'energia rappresenta la prima preoccupazione, a pari merito con l'immigrazione (25%).

Il cambiamento di percezione arriva dopo diversi mesi consecutivi di calo dei prezzi del gas: le contrattazioni al Title Transfer Facility (TTF), il principale hub europeo, si sono chiuse venerdì scorso a 33 euro per megawattora, ben lontano dal "territorio" a tre cifre che ha tormentato i consumatori per la maggior parte del 2022.

La ritrovata stabilità dei mercati globali ha permesso ai governi di rifornire i propri depositi sotterranei senza alimentare una spirale dei prezzi: i livelli di stoccaggio dell'Ue si attestano attualmente a quasi l'80%, rispetto al 60% dello scorso anno.

La risposta positiva dei 27 alla crisi energetica è stata il risultato di una serie di misure ad hoc, anche delle singole famiglie, oltre a iniziative politiche e fattori esterni, che hanno "collaborato" per riequilibrare lo squilibrio tra domanda e offerta e attenuare i comportamenti speculativi.

Il nuovo Eurobarometro mostra un ampio sostegno per alcune delle azioni che hanno contribuito a superare la tempesta: l'85% degli intervistati ritiene che l'Ue debba investire "massicciamente" in sistemi rinnovabili e l'82% crede che il blocco dei 27 debba ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili russi "il prima possibile".

Nel frattempo, il 78% degli intervistati ha dichiarato di aver adottato misure personali per ridurre il consumo di energia a casa o di avere intenzione di farlo "nel prossimo futuro".
I politici e gli analisti hanno attribuito ai risparmi personali il ruolo di forza trainante per stabilizzare il mercato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Corsa dei prezzi: inflazione in calo al 5,5% a giugno

L'energia eolica e solare: la "spina dorsale" dell'elettricità dell'Unione europea

Auto elettriche, litio inquinante e costoso: dal manganese allo zinco, ecco le alternative