Gentiloni alla conquista dell'Europa

Gentiloni alla conquista dell'Europa
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il 65nne aristocratico romano, politico di punta del PD, esce indenne dal primo confronto con l'Europa alla quale ha detto quanto siano imperfette le regole. Ma lui riuscirà a cambiarle?

PUBBLICITÀ

Luce verde per Paolo Gentiloni che diventa commissario agli affari economici del'Unione. Dopo l'audizione in commissione Econ l'ex premier è stato "promosso senza domande".

Il 65nne aristocratico romano, politico di punta del PD esce indenne dal primo confronto con l'Europa alla quale ha detto quanto le regole siano im perfette e quanto andrebbero cambiate. A qualcuno pero' il suo discorso è apparso sfuggente.

Marcus Ferber, europeralentare tedesco:Non trovo alcuna risposta concreta nella descrizione dei problemi che ha fatto, ma i problemi li conosciamo già. Abbiamo bisogno di un commissario che offra soluzioni ed è in questo che mi delude. Volevo sentire un maggiore impegno nelle sue parole.

Un difficile punto di equilibrio

Un impegno tutto incentrato sui soldi. Come il cane da guardia delle finanze pubbliche degli Stati membri, dovrà trovare un punto di equilibrio fra i paesi nordici inclini all'austerità e chi chiede flessibilità cioè i paesi che affogano nei debiti, come Italia e Spagna.

Luis Garicano, europarlamentare spagnolo: Gran parte dell'audizione è stata un po' vaga, penso volutamente astratta. Si rende conto che deve creare consenso, vuole evitare di generare contrasti. Ma penso che abbia fatto bene a cercare il consenso degli Stati membri, in particolare mostrando il suo impegno per l'Europa

Sebbene la sua nomina generi aspettative sulla possibilità di rivedere le norme fiscali dell'UE, secondo alcuni avrà le mani legate. Il suo alto commissario e vicepresidente Vladis Dombrovskis è poco incline alla flessibilità.

L'uomo del negoziato

Gentiloni, i cui successi sono legati anche all'ex premier italiano Matteo Renzi, è abbastanza abile nel negoziato. In qualità di premier italiano aveva firmato diversi accordi importanti come quello sul flusso dei migranti con la Libia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tasse: ecco i Paesi d'Europa dove la classe media ne paga di più

Ecco perché i millennial potrebbero diventare la generazione più ricca di sempre

Inflazione nell'eurozona in calo al 2,6% a febbraio