Alimentare: Cina minaccia stretta a importazioni, braccio di ferro con Ue e Usa

Alimentare: Cina minaccia stretta a importazioni, braccio di ferro con Ue e Usa
Di Salvatore Falco Agenzie:  REUTERS
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel 2015 il settore ha registrato cifre d'affari per 46 miliardi di dollari

PUBBLICITÀ

La Cina minaccia di proteggere il suo mercato alle importazioni di prodotti alimentari. È in corso un braccio di ferro con Europa e Stati Uniti su un progetto di regolamento che ostacolerebbe miliardi di euro di spedizioni, dalla pasta ai biscotti, dal vino al caffé.

Pechino vorrebbe richiedere certificati sanitari per tutti i prodotti alimentari importati, anche quelli a basso rischio. Una misura molto più severa rispetto all’Occidente, dove la certificazione è in genere necessaria solo per le merci deperibili come latte e carne.

Le importazioni cinesi di alimenti e bevande sono aumentate vertiginosamente negli ultimi anni, spinte dall’aumento del reddito medio.

Secondo alcune stime, nel 2018 la Cina sarà il primo consumatore al mondo di alimenti importati. Una sfida per l’Unione europea dominatrice in un settore che vale, dati del 2015, 46 miliardi di dollari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Dove in Europa la ricchezza è distribuita in modo più iniquo?

Atterraggio morbido per l'economia italiana: ecco perché l'inflazione in Italia è più bassa