EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Gaza, Wfp: il 70% della popolazione nel Nord della Striscia affronta una fame catastrofica

aiuti umanitari a Rafah
aiuti umanitari a Rafah Diritti d'autore Fatima Shbair/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Fatima Shbair/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il World Food Program lancia l'allarme per la preoccupante condizione in cui versa la popolazione nel nord della Striscia. L'esercito israeliano diffonde nuovi dettagli sull'attacco al convoglio Wck. L'Australia però chiede maggiori spiegazioni

PUBBLICITÀ

Con l'avvicinarsi del traguardo dei sei mesi di conflitto, la carestia è sempre più vicina nel nord di Gaza, lo ha detto sabato il Programma Alimentare Mondiale, (World Food Program, Wfp). La malnutrizione infantile si sta diffondendo a ritmi record e un bambino su tre al di sotto dei due anni è ora gravemente malnutrito. Circa il 70 per cento della popolazione del Nord della Striscia sta affrontando una fame catastrofica.

L'ultimo rapporto sulla classificazione integrata delle fasi (Ipc), uno strumento per migliorare l'analisi della sicurezza alimentare, prevede la carestia nei due governatorati settentrionali di Gaza, perché ci sono prove ragionevoli che tutte e tre le soglie di carestia (insicurezza alimentare, malnutrizione e mortalità) saranno superate nei prossimi due mesi.

Oltre un milione di persone vive in fame catastrofica

Complessivamente, il numero di persone a Gaza che affrontano una fame catastrofica (Ipc 5) è raddoppiato in meno di tre mesi, passando da 570mila a dicembre a 1,1 milioni oggi. È il numero più alto mai registrato dal sistema Ipc.

Le persone che rientrano nella categoria Ipc 5 non riescono a soddisfare nemmeno i loro bisogni alimentari più elementari. Hanno esaurito tutte le strategie per affrontare la crisi, come mangiare foraggio animale, chiedere l'elemosina o vendere i propri beni per comprare cibo. Alcuni stanno morendo di fame.

A Gaza 47 camion in un mese, pochi aiuti nel Nord

Il Wfp fornisce ogni mese cibo disperatamente necessario a più di un milione di persone a Gaza, nonostante le enormi sfide. Distribuisce pacchi di cibo pronto da mangiare, pasti caldi, farina di grano e prodotti specializzati per evitare la malnutrizione. A marzo, il Wfp è riuscito a far arrivare nel nord del Paese 47 camion, un miglioramento rispetto a febbraio, ma ben lontano da quanto necessario. Sono necessarie consegne giornaliere per fermare la carestia.

La maggior parte del cibo viene distribuito nelle aree meridionali e centrali di Gaza, mentre pochissima assistenza raggiunge la popolazione altrove. Insieme ai partner, il Wfp ha scorte alimentari sufficienti per sfamare tutti i 2,2 milioni di persone a Gaza.

Mentre la carestia si avvicina, il Wfp afferma di aver bisogno che il personale umanitario e le forniture possano muoversi liberamente e in sicurezza attraverso Gaza. Il Wfp ha esortato Israele a consentire più vie d'accesso a Gaza, anche dal nord, e l'uso del porto di Ashdod, che Israele ha annunciato di aprire dopo il colloquio tra il presidente Usa Biden e il premir Netanyahu Per avere davvero una possibilità di sconfiggere la carestia, anche l'Oms ha insistito sulla necessità di un cessate il fuoco umanitario.

Oms: "Al Shifa è un guscio vuoto con cadaveri abbandonati"

L'Oms ha diffuso le prime immagini dall'ospedale di al Shifa, assediato nelle scorse settimana dall'esercito israeliano. "Un tempo la spina dorsale del sistema sanitario a Gaza, ora è un guscio vuoto con tombe umane dopo l’ultimo assedio. La squadra ha assistito ad almeno cinque cadaveri durante la missione", scrive l'Oms. "La maggior parte degli edifici del complesso ospedaliero sono stati ampiamente distrutti e la maggior parte dei beni danneggiati o ridotti in cenere. Anche il ripristino di una funzionalità minima a breve termine non sembra plausibile. È necessaria una valutazione approfondita da parte di un team di ingegneri per determinare se gli edifici rimanenti sono sicuri per un uso futuro", si legge ancora nel messaggio diffuso dall'organizzazione.

Idf: "Attacco al convoglio Wck errore di identificazione e di classificazione"

Il portavoce militare capo di Israele, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha detto venerdì che il micidiale attacco israeliano che ha ucciso sette operatori umanitari della World Centra Kitchen è stato il risultato di un "errore di identificazione" in condizioni complesse.

"Questo errore di identificazione e di classificazione operativa è stato il risultato di carenze interne che hanno fatto sì che un'informazione critica riguardante l'operazione umanitaria non arrivasse correttamente alla catena di comando", ha detto Hagari.

L'ong World Central Kitchen ha ribadito di essersi coordinata con l'esercito israeliano per il movimento delle sue auto. Tre veicoli che si muovevano a grande distanza l'uno dall'altro sono stati colpiti in successione. **Almeno uno dei veicoli aveva il logo dell'organizzazione benefica stampato sul tetto per renderlo identificabile dall'alto.**Gli attacchi al convoglio dell'organizzazione benefica hanno messo in evidenza quello che secondo i critici è il bombardamento indiscriminato di Israele e la mancanza di considerazione per le vittime civili a Gaza. 

L'Australia chiede spiegazioni a Israele

La ministra degli Esteri australiano Penny Wong ha dichiarato sabato che il suo governo si aspetta "piena responsabilità" da Israele per la morte dell'operatore umanitario australiano Lalzawmi "Zomi" Frankcom, 43 anni, che stava consegnando cibo con la World Central Kitchen.  "Abbiamo chiarito, dopo essere stati informati verbalmente, che non abbiamo ancora ricevuto informazioni sufficienti a soddisfare le nostre aspettative. Il vice primo ministro e io abbiamo scritto alle nostre controparti durante la notte per ribadire le aspettative dell'Australia", ha detto Wong.

Nuovi lanci di aiuti per via aerea

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno continuato a lanciare aiuti umanitari ai palestinesi affamati nell'isolata parte settentrionale della Striscia di Gaza, dove le Nazioni Unite e i gruppi di aiuto dicono che la carestia è imminente.Venerdì altri aerei hanno sganciato pacchi di aiuti sulla spiaggia nel nord di Gaza. I filmati hanno mostrato decine di palestinesi, compresi i minorenni, che si radunavano nel punto in cui erano sbarcati gli aiuti per prendere tutto quello che potevano per sfamare le loro famiglie.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"All eyes on Rafah", in milioni condividono l'immagine AI sui social dopo le stragi alle tendopoli

Gaza: nuovo attacco su Rafah, 21 morti, Jihad islamica pubblica video di un ostaggio israeliano

Borrell: Europa pronta a riattivare missione civile a Rafah ma serve via libera Israele ed Egitto