Haiti, incendio in una delle prigioni della rivolta

La situazione dei civili ad Haiti è sempre più grave
La situazione dei civili ad Haiti è sempre più grave Diritti d'autore Captura de vídeo de AP
Diritti d'autore Captura de vídeo de AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In uno dei penitenziari di Haiti dai quali sono fuggiti migliaia di detenuti nelle scorse settimana è divampato un incendio

PUBBLICITÀ

Un incendio è divampato in un penitenziario nazionale di Haiti, dove lo scorso fine settimana alcune bande hanno sferrato un attacco e liberato almeno 3.800 detenuti. La nazione caraibica è attualmente in stato di emergenza. Diverse gang criminali controllano la maggior parte della capitale e numerose strade nel resto del Paese.

Ma le dimissioni dell'impopolare primo ministro Ariel Henry, rassegnate lunedì, aprono le porte a una transizione incerta. "Pensiamo di aver bisogno di un altro governo, un esecutivo che capisca il Paese. Dobbiamo trovare una persona valida che capisca come governare, che sappia gestire i problemi, che sappia come funzionano gli altri Paesi e possa fare la stessa cosa qui. Il Paese non può essere lasciato in questo modo, noi haitani non possiamo vivere in questo tipo di situazione", spiega un cittadino."

"I nostri soldi non valgono più nulla"

"Ad Haiti c'è solo miseria - prosegue - come possiamo trovare da mangiare? I nostri soldi non hanno valore. Tempo fa 5 gourdes (la moneta haitiana) potevano essere scambiati con 1 dollaro statunitense, ora 5 gourdes non valgono nulla, non si possono ottenere nemmeno 5 centesimi ".

Il Kenya, con mille militari, guiderà una missione di sicurezza approvata dalle Nazioni Unite per affrontare la violenza delle bande che affligge la nazione più povere della Terra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Violenza ad Haiti, il primo ministro Ariel Henry si dimette e resta a Porto Rico

Esteso lo stato di emergenza di Haiti: servizio sanitario al collasso, chiuso il porto

Haiti ancora nel caos: pressioni per creare una coalizione che guidi verso nuove elezioni