Paesi Bassi: tribunale olandese blocca forniture di componenti di F-35 a Israele

Un F-35B che decolla dalla base militare statunitense Luke Air Force Base
Un F-35B che decolla dalla base militare statunitense Luke Air Force Base Diritti d'autore Ross D. Franklin/Copyright 2019 The AP. All rights reserved.
Di Maria Michela D'Alessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una corte di appello dell'Aia ha ordinato ai Paesi Bassi di cessare l'esportazione e il transito di componenti degli F-35 verso Israele entro 7 giorni dalla notifica della sentenza. Mark Rutte oggi a Gerusalemme

PUBBLICITÀ

I Paesi Bassi devono interrompere la fornitura di componenti per i caccia F-35 utilizzati da Israele nella Striscia di Gaza: lo ha stabilito lunedì 12 febbraio un tribunale olandese, accogliendo la richiesta di tre organizzazioni per i diritti umani, Oxfam Novib, Pax voor vrede e The Rights Forum. Lo scorso dicembre le tre Ong avevano denunciato il governo olandese per la presunta esportazione di parti dei caccia F-35 statunitensi verso Israele.

La Corte ordina allo Stato di cessare ogni effettiva esportazione e transito di parti degli F-35 verso Israele entro sette giorni dalla notifica della sentenza
Corte di appello olandese
La soddisfazione di Oxfam per la decisione del tribunale olandese

Il ricorso del governo olandese

Dopo la decisione della corte, il ministro dello Sviluppo e del Commercio estero olandese Geoffrey van Leeuwen ha fatto sapere che i Paesi Bassi hanno presentato ricorso contro la sentenza sulla fornitura di componenti degli F-35 a Israele. 

Secondo Van Leeuwen il tribunale non ha tenuto sufficientemente conto del fatto che spetta allo Stato definire la propria politica estera. Il ministero olandese si era precedentemente difeso riferendosi all'importanza dei pezzi degli F-35 affinché Israele "possa rispondere all'escalation regionale" e all'affidabilità che i Paesi Bassi devono trasmettere ai Paesi partner come Israele. 

Non è ancora noto quando il caso sarà sottoposto alla corte suprema. 

Secondo il primo ministro olandese Mark Rutte "un'operazione militare su larga scala a Rafah avrebbe conseguenze umanitarie catastrofiche"

Rutte in Israele

''Un'operazione militare su larga scala a Rafah avrebbe conseguenze umanitarie catastrofiche''. Lo ha scritto su X il primo ministro olandese Mark Rutte, oggi in Israele e nei Territori palestinesi per colloqui con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e quello palestinese Mohammad Shtayyeh

Per Rutte ci sono tre cose ad avere al momento la massima priorità nella Striscia di Gaza: la necessità di inviare più aiuti umanitari, il rilascio immediato da parte di Hamas degli oltre cento ostaggi, la riduzione rapida delle operazioni israeliane. 

Perché questo accada, ha aggiunto Rutte, serve ''una pausa immediata nei combattimenti, che deve culminare in una fine duratura di questo conflitto''. Necessaria ''una soluzione politica sostenibile: uno Stato palestinese vitale, accanto a un Israele sicuro''.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi, la destra liberale di Rutte non entrerà nel governo di coalizione con l'estrema destra

Al via "Arctic Challenge", la più grande esercitazione aerea d'Europa (con l'Italia e gli F-35)

Paesi Bassi: gli exit poll danno in vantaggio l'estrema destra di Wilders