EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Migliaia affollano il Sud di Gaza, Netanyahu: "La guerra durerà ancora molti mesi"

Benjamin Netanyahu
Benjamin Netanyahu Diritti d'autore Ohad Zwigenberg/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Ohad Zwigenberg/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sono oltre ottocentomila i palestinesi arrivati a Rafah dopo che l'esercito israeliano ha intensificato gli attacchi nella Striscia di Gaza. Il premier israeliano Netanyahu ribadisce che la guerra durerà a lungo. Le Nazioni Unite lanciano l'allarme per le difficoltà ad aiutare i civili

PUBBLICITÀ

Negli ultimi giorni decine di migliaia di palestinesi si sono riversati nella città di Rafah, già affollata, all'estremità meridionale di Gaza, in fuga dai bombardamenti israeliani sul centro della Striscia, mentre un alto funzionario delle Nazioni Unite venerdì ha criticato Israele per aver continuato a imporre "gravi restrizioni" all'accesso agli aiuti. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha però ribadito che gli attacchi proseguono e che la guerrà durarà ancora molti mesi.

Peggiora la situazione a Rafah

Quasi tutta la popolazione dipende completamente dagli aiuti umanitari esterni, ha dichiarato Philippe Lazzarini, capo dell'Unrwa, l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. Un quarto della popolazione sta morendo di fame perché sono troppo pochi i camion che portano cibo, medicine, carburante e altri rifornimenti, a volte meno di cento al giorno, secondo i rapporti giornalieri delle Nazioni Unite.

Con i nuovi arrivi, la città e l'area circostante sono ora affollate da circa 850mila persone, più del triplo della popolazione normale, secondo i dati dell'Onu. Le Nazioni Unite hanno dichiarato giovedì scorso che circa centomila persone sono arrivate a Rafah in meno di una settimane.

Bombardamento dell'esercito israeliano contro due campi per rifugiati

Sabato l'esercito israeliano ha diffuso un filmato che, a suo dire, mostrava la distruzione delle infrastrutture di Hamas nella Striscia. Le agenzie internazionli non hanno potuto verificare in modo indipendente le date, i luoghi o le condizioni in cui il filmato è stato girato. Le truppe israeliane sono impegnate in feroci battaglie sul terreno con il supporto della Marina che fornisce assistenza dal mare. Sabato gli aerei da guerra israeliani hanno colpito due campi per rifugiati nel centro di Gaza, mentre l'amministrazione Biden ha approvato una nuova vendita di armi d'emergenza a Israele, nonostante i persistenti appelli internazionali al cessate il fuoco per le crescenti morti di civili, la fame e gli sfollamenti di massa nell'enclave.

Netanyahu: "La guerra durerà molti mesi"

Israele è determinato a proseguire la sua offensiva aerea e terrestre senza precedenti fino a quando non avrà smantellato Hamas, un obiettivo considerato da alcuni irraggiungibile a causa delle profonde radici del gruppo militante nella società palestinese. "Raggiungere la vittoria richiede più tempo. La guerra continuerà ancora per molti mesi. La mia politica è chiara. Continuiamo a combattere fino al completamento di tutti gli obiettivi della guerra, e soprattutto all'eliminazione di Hamas e al rilascio di tutti i nostri rapiti", ha dettoBenjamin Netanyahu, primo ministro israeliano, che poi ha fatto sapere che oltre 8.000 "terroristi" sono stati uccisi finora nell'offensiva israeliana a Gaza, mentre la Nazione sta "combattendo su tutti i fronti". Netanyahu haanche detto che Israele opera contro l'Iran "sempre, ovunque, in ogni modo", ricordando alla comunità mondiale di fare "tutto per impedire all'Iran di ottenere armi nucleari".

Proteste a Tel Aviv contro Netanyahu

In Israele non si placano le proteste contro la guerra. Migliaia di israeliani si sono riuniti sabato a Tel Aviv per protestare contro la gestione del governo della guerra in corso a Gaza e per chiedere nuove elezioni. I manifestanti hanno attaccato la linea dura del governo di Netanyahu e hanno chiesto di intervenire per riportare a casa il resto degli ostaggi.

I morti palestinesi e israeliani dallo scoppio della guerra

Il ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, ha dichiarato sabato che più di 21.600 palestinesi sono stati uccisi nell'offensiva aerea e di terra senza precedenti di Israele. Il ministero, che non distingue tra la morte di civili e quella di combattenti, ha dichiarato che 165 palestinesi sono stati uccisi nelle ultime 24 ore. Circa il 70% delle vittime totali sono donne e bambini.Più di 240 persone sono state prese in ostaggio durante l'incursione senza precedenti di Hamas in Israele il 7 ottobre, durante la quale sono state uccise circa **1.200 persone.**Hamas ha rilasciato oltre 100 ostaggi per i prigionieri palestinesi durante un breve cessate il fuoco lo scorso novembre.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, la vita degli amputati dai bombardamenti di Israele

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti

Guerra a Gaza: decine di morti nel campo di Nuseirat, la Nuova Zelanda contro Israele