Un alleato di Putin avrebbe "adottato una bimba ucraina rapita da un orfanatrofio"

AFP
AFP Diritti d'autore MIKHAIL METZEL
Di Euronews Digital
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il politico 70enne alleato di Putin, Sergei Mironov, nega le accuse mosse a lui e alla moglie, Inna Varlamova di aver adottato una bambina ucraina rapida da un orfanatrofio di Kherson

PUBBLICITÀ

Un'indagine della piattaforma russa IStories ha rivelato che Sergey Mironov, alleato di Putin e leader del partito 'Russia Giusta', e sua moglie Inna Varlamova hanno adottato una bambina rapita da un orfanotrofio nella regione di Kherson durante l'occupazione in Ucraina. La bambina sarebbe stata portata in Russia dove le è stato cambiato il nome da Margarita Prokopenko a Marina Sergeevna Mironova.

Secondo il portale si tratterebbe del primo caso documentato di adozione di un bambino ucraino da parte di un politico russo.

Per ora Mironov non ha risposto alle accuse dell'indagine. Ma giovedì mattina il politico ha postato sul suo canale Telegram una critica generale verso le "false informazioni su di lui e sulla sua famiglia".

Sergei Mironov, foto d'archivio
Sergei Mironov, foto d'archivioSERGEI ILYIN/AFP

La scorsa settimana, l'Ucraina ha adottato sanzioni contro la moglie di Mironovdopo che un'indagine aveva rivelato il suo coinvolgimento nella deportazione di bambini dalla regione ucraina alla Russia.

A inizio annola Corte penale internazionale ha emesso mandati di arresto per Vladimir Putin e la Commissaria per i diritti dei bambini, Maria Lvova-Belova, per la presunta deportazione illegale di bambini ucraini nel territorio controllato dalla Russia, con l'intenzione di allontanarli definitivamente dal loro Paese.La Russia ha respinto le accuse dicendo che l'intenzione era di "proteggere i minori dalla guerra".

Il coinvoiglimento di Varlamova nella deportazione di minori ucraini

Nell'ottobre 2022, il leader del partito russo si è sposato per la quinta volta, con Inna Varlamova, impiegata del governo dal 2005. Alla fine di agosto del 2022, Varlamova è arrivata nella regione di Kherson insieme alla deputata alla Duma Yana Lantratova. Le due donne sarebbero poi ritornate in Russia con due minori. Le autorità  di occupazione locali avrebbero rilasciato loro una procura per portare via due bambini dall'orfanotrofio di Kherson: Margarita Prokopenko, di 10 mesi, e Ilya Vashchenko, di due anni.

Nel novembre 2022 il Tribunale della città russa di Podolsk, nella regione di Mosca, ha esaminato una richiesta di adozione da parte di Inna Varlamova. Secondo IStories, ci sono documenti che indicano che un mese dopo la decisione del tribunale, nel dicembre 2022, Sergei Mironov e Inna Varlamova hanno adottato Margarita Prokopenko, le hanno cambiato nome, in Marina Sergeevna Mironova, e luogo di nascita, spostandolo da Podolsk, in Ucraina, alla regione di Mosca.

Margarita e Ilya sono solo due dei 48 bambini scomparsi dall'orfanotrofio ucraino dopo che le forze russeavevano conquistato la città, poi tornata sotto Kiev. Ma il numero totale portato via da Mosca dal territorio ucraino sarebbe molto più alto: secondo l'Ucraina sono circa 20 mila i bambini rapiti dalle forze russe. A casa ne sarebbero tornati meno di 400.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, ulteriore stretta sulla comunità Lgbtq+: fuori legge il presunto "movimento internazionale"

Finlandia, si valuta la chiusura totale del confine orientale con la Russia

Russia: 9 anni fa a Mosca l'omicidio di Boris Nemtsov