EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Combatte in Ucraina, libero uno dei killer della giornalista Politkovskaya

Attivisti per i diritti intitolano simbolicamente una strada di Parigi alla giornalista  Anna-Politkovskaïa nel 2013
Attivisti per i diritti intitolano simbolicamente una strada di Parigi alla giornalista Anna-Politkovskaïa nel 2013 Diritti d'autore OLIVIER LABAN-MATTEI/AFP
Diritti d'autore OLIVIER LABAN-MATTEI/AFP
Di Gabriele Barbati
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sergei Khadzhikurbanov era stato condannato a 20 anni di carcere nel 2014 per avere organizzato l'omicidio della reporter di Novaya Gazeta. "Ha combattuto per sei mesi e al termine del contratto è arrivato il decreto presidenziale di grazia" ha reso noto il suo avvocato

PUBBLICITÀ

Sergei Khadzhikurbanov una delle cinque persone condannate in Russia nel 2014 per l'omicidio della giornalista Anna Politkovskaya, è stato graziato dopo avere combattuto in Ucraina. 

Lo ha reso noto l'avvocato di Khadzhikurbanov, un ex poliziotto e agente delle forze speciali di Mosca che aveva ricevuto una sentenza a 20 di carcere per l'assassinio della giornalista, avvenuto nel 2006. 

Grazia arrivata per decreto di Putin

Secondo il legale, Alexei Mikhalchik, il suo assistito ha prestato servizio militare in Ucraina a partire dalla fine dello scorso anno, per un periodo di sei mesi. "E al termine del contratto è stato graziato per decreto presidenziale" ha detto Mikhalchik al network russo RBC e all'Agencie France Press.

La famiglia di Politkovskaya, che era una delle firme più prestigiose del quotidiano indipendente Novaya Gazeta e aveva pubblicato inchieste sugli abusi dell'esercito russo e delle milizie ribelli in Cecenia (una delle repubbliche della Federazione Russa) tra il 1999 e il 2009, ha definito il provvedimento di grazia una "mostruosa ingiustizia". 

Per noi questa grazia è un oltraggio alla memoria di una persona uccisa per avere fatto il suo dovere
Vera e Ilya
Figli di Anna Politkovskaya

In un comunicato congiunto i figli della giornalista, Ilya e Vera, e il direttore di Novaya Gazeta Dmitrij Muratov, insignito del premio Nobel per la pace nel 2021, sostengono di non essere stati informati del provvedimento e che le autorità non hanno fatto abbastanza per identificare e perseguire i mandanti dell'omicidio. 

Nel 2018 la Corte europea per i diritti umani di Strasburgo aveva sottolineato che, pur avendo condannato gli esecutori del crimine, la magistratura russa non aveva condotto indagini "adeguate" per individuare le persone che hanno ordinato l'omicidio.

Nei primi anni 2000, gli articoli di Anna Politkovskaya avevano attirato l'attenzione sulla condotta del presidente russo Vladimir Putin, allora al suo secondo mandato, e del leader dei ribelli ceceni Ramzan Kadyrov.

La giornalista, 48 anni, era stata freddata nell'ascensore del condominio di Mosca dove viveva. Khadzhikurbanov era stato arrestato un anno dopo, processato e assolto nel 2009. La Corte suprema russa aveva annullato poi la sentenza, ordinando un nuovo processo che aveva portato nel 2014 alla condanna di Khadzhikurbanov, ritenuto colpevole di avere fornito supporto logistico agli assassini.

Gli altri condannati nel processo furono: Rustam Makhmudov all'ergastolo, per avere sparato alla giornalista; Lom-Ali Gaitukayev all'ergastolo, per avere organizzato l'agguato; e due fratelli di Makhmudov, Dzhabrail e Ibrahim, rispettivamente a 14 e 12 anni di reclusione. 

Il ministero della Difesa russo arruola spesso nelle carceri nuovi soldati da mandare al fronte, una pratica cominciata l'anno scorso dalla Wagner, la milizia paramilitare guidata da Yevgeny Prigozhin e protagonista di un'insurrezione contro i comandi di Mosca lo scorso 24 giugno. 

Prigozhin è morto due mesi dopo, in un incidente aereo dalle cause non ancora chiarite, insieme ad altri membri di alto livello della Wagner.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Condanna all'ergastolo per Monique Olivier, l'ex moglie del mostro delle Ardenne

Mosca: Boris Nemtsov sepolto nello stesso cimitero dove riposa Anna Politkovskaya

Cecenia, l'attacco dei ribelli caucasici a Grozny imbarazza Putin nel giorno del suo discorso alla nazione. Una ventina in tutto le vittime