EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Salone dell'auto di Ginevra arriva in Qatar con un pieno di nuove tecnologie green

Salone dell'auto di Ginevra arriva in Qatar con un pieno di nuove tecnologie green
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Pronti a scaldare i motori? In questo episodio di Qatar 365 andiamo alla scoperta del più grande salone automobilistico del Medio Oriente. Il Salone internazionale dell'automobile di Ginevra arriva per la prima volta in Qatar con un pieno di nuove spettacolari tecnologie green

PUBBLICITÀ

Questo episodio di Qatar 365 parte in quarta sulle piste da poco ristrutturate del Circuito Internazionale di Lusail. Andremo, inoltre, al Salone internazionale dell'automobile di Ginevra. Quest'anno, per la prima volta nella sua storia, l'evento si è tenuto fuori dalla Svizzera nella sua prima edizione in Qatar. 

Al Salone sono state presentate alcune delle nuovissime tecnologie sostenibili e motori d'avanguardia che fanno da apripista a un futuro sempre più green. La nuovissima McLaren 750S arriverà sul mercato mediorientale a dicembre. È solo una delle tante grandi sorprese dell'edizione di quest'anno.

Dieci anteprime globali, venti presentazioni, trenta rinomate case automobilistiche, tutte sotto lo stesso tetto: questi gli ingredienti di quello che è considerato uno dei motorshow più importanti d'Europa.

Gli organizzatori sperano che l'evento in Qatar diventi presto il salone automobilistico più importante del Medio Oriente: "È incredibile: dieci auto nuove di zecca mai viste prima. E non siamo a Detroit, né a Francoforte, né a Parigi o Tokyo", ha detto Berthold Trenkel, direttore operativo del Qatar Tourism.

Berthold Trenkel, Direttore operativo, Qatar Tourism (destra)
Berthold Trenkel, Direttore operativo, Qatar Tourism (destra)Euronews

L'evento attira decine di migliaia di visitatori ogni anno. Il primo salone automobilistico si tenne a Ginevra nel 1905. Negli anni '50 l'appuntamento svizzero attirò alcuni dei più grandi marchi del Regno Unito e degli Stati Uniti. Da allora ne ha fatta di strada arrivando fino a Doha, in Qatar.

"La prima sfida è stata quella di organizzare un salone decentralizzato. A noi piace chiamarlo festival", ha commentato Sandro Mesquita, direttore generale del Salone dell'automobile di Ginevra. "Perché il cuore pulsante è qui nei padiglioni con il motorshow ma siamo presenti anche sulla pista di Lusail, siamo nel deserto, sul Lusail Boulevard. Abbiamo voluto creare un'esperienza che includa presentazioni ma anche eventi interattivi".

"Il Medio Oriente per noi è una scelta perfetta, perché la cultura araba è tutta incentrata sulla famiglia e sulle relazioni. Siamo un brand di vita, un brand di famiglia e questo si sposa benissimo con la cultura araba", ha spiegato Matthias Ziegler, l'amministratore delegato di Volkswagen Middle East.

Matthias Ziegler, Managing director, Volkswagen Middle East presenta 3 nuovi modelli VW
Matthias Ziegler, Managing director, Volkswagen Middle East presenta 3 nuovi modelli VWEuronews

I marchi tedeschi sono assolutamente i protagonisti del vernissage. Anche Mercedes Benz ha presentato diversi modelli: veicoli a motore tradizionale e auto di ultima generazione ibride ed elettriche. Ma una parola accomuna tutti i modelli: lusso.

"Noi della Mercedes-Benz portiamo qui sia il lusso che la sostenibilità. Il futuro del lusso sta nella sostenibiltà", ha affermato Selvin Govender, Direttore delle vendite di Mercedes-Benz Middle East & Africa.

Un fitto calendario di eventi: il piano decennale

Ma questa edizione non è un unicum. Si pensa già a un piano decennale. L'evento tornerà a Doha ogni due anni in concomitanza con il Gran Premio di Formula 1 del Qatar.

"Per noi è stato fantastico avere un partner globale, un marchio globale con la loro competenza", ha detto Berthold Trenkel. 

"Collaborare con Ginevra è stata una scelta molto intelligente. Abbiamo valori, modelli, modi di lavorare simili. E questo rende tutto speciale".

Il Circuito Internazionale di Lusail è la sede di tutti gli sport motoristici in Qatar. 

Fresco dall'emozionante edizione del Gran Premio del Qatar di Formula 1, il circuito si sta preparando per la gara della MotoGP.

Amro Al-Hamad, CEO del Circuito internazionale di Lusail International Circuit ci ha raccontato i dettagli di quest'avventura: "È stato davvero emozionante accogliere tutti nella nostra nuova struttura. Non direi che è stata ristrutturata. Direi proprio che è nuova di zecca".

Amro Al-Hamad, Ceo, circuito internazionale di Lusail (sinistra)
Amro Al-Hamad, Ceo, circuito internazionale di Lusail (sinistra)Euronews

 "Abbiamo battuto vari record sia in termini di velocità di sviluppo e costruzione sia in termini di capacità. La partecipazione è stata enorme: 126 mila persone in tre giorni, rispetto alle 15 mia al giorno nel 2021". 

"Quindi, se questo ci dice qualcosa, è che gli sport motoristici stanno diventando molto popolari o comunque eventi da seguire qui in Qatar".

Quest'anno il Salone internazionale dell'automobile di Ginevra si è svolto in contemporanea alla F1, questo, secondo Amro, ha reso l'evento un "grandissimo festival" che da il via a un lungo calendario di eventi:"Abbiamo appena terminato la gara di Formula 1 del 2023 e il prossimo appuntamento è con la MotoGP, dal 17 al 19 novembre 2023. Poi il Campionato di Karting del Medio Oriente e del Nord Africa che si terrà a dicembre. E nel 2024 abbiamo l'introduzione del Campionato del Mondo di Endurance, poi la prima prova del Campionato, e poi ancora la MotoGP a marzo".

PUBBLICITÀ

Amro ha raccontato a Qatar 365 che ha sempre sognato di fare questo lavoro e ha sempre avuto una particolare inclinazione per i motori:  "Sfrutto ogni singola occasione per salire su un'auto o su una pista. La maggior parte del tempo lo passo facendo motocross ed enduro".

Un viaggio "irripetibile": 8 mila chilometri a bordo di una Volkswagen ID Buzz

I veicoli elettrici stanno diventando il fiore all'occhiello di molte case automobilistiche. Le vendite di automobili e mezzi per uso urbano elettrici sono destinati a crescere del 16% entro il 2035.

Guidati da Frank Rinderknecht, due team hanno intrapreso un lunghissimo viaggio da Ginevra a Doha, sfidando i limiti dell'elettromobilità. Un viaggio di 34 giorni in dodici paesi, per un totale 8.000 chilometri su due Volkswagen ID Buzz completamente elettrici, questa l'avventura internazionale.

"Abbiamo affrontato molte sfide, molti problemi", ha ammesso Frank Rinderknecht, Ceo di Rinspeed AG. "È stato un viaggio ricco di emozioni, eccitante. Abbiamo incontrato persone e paesaggi straordinari. È stato stancante in un certo senso, ma una di quelle cose che va fatta una volta nella vita".

E ha continuato con una riflessione sul futuro dell'automobilistica: "Dobbiamo passare dalle energie fossili alle quelle rinnovabili. E già questo riflessione è un grande passo verso questo obiettivo: non dobbiamo consumare e poi mandare tutto in fumo. Abbiamo bisogno di un'industria circolare".

PUBBLICITÀ
"L'importante è sognare, e sognare è bellissimo
Frank Rinderknecht
Ceo, Rinspeed AG

La Volkswagen ID Buzz ha uno stile unico, stravagante nei lineamenti, ma potrebbe sembrare un po’ scomoda per un lungo viaggio. Ma per il Tour d’Excellence è stata la scelta più ovvia.

"L'ID Buzz è un veicolo iconico. Risale agli anni Settanta, è un minivan da viaggio e non solo. E noi abbiamo bisogno di  spazio per le ruote di scorta, per strumenti vari e per un sacco di altre cose".

Un futuro sempre più verde

Dai furgoni alle auto fino agli autobus, i veicoli elettrici hanno invaso il Salone internazionale dell'automobile di Ginevra. La compagnia Mowasalat del Qatar ha presentato un minibus innovativo per la mobilità urbana. Il veicolo non solo è completamente elettrico, ma è predispost per la guida autonoma (driverless).

Nel frattempo anche i marchi emergenti come Lucid, VinFast ed Exeed hanno presentato nuovi modelli elettrici, inserendosi in un mercato molto concorrenziale e affollato.

Minibus elettrico e a guida autonoma (driverless), Mowasalat
Minibus elettrico e a guida autonoma (driverless), MowasalatEuronews

Un altro marchio che cerca di espandersi in Medio Oriente è Lynk & Co. Secondo Derek Peng, responsabile del marketing di Lynk & Co, il  Lynk & Co 09, Suv a sette posti, modello di punta dell'azienda, avrà un "successone" in Medio Oriente.

PUBBLICITÀ

Lynk & Co ha avviato una partnership col gruppo NBK del Qatar e Auto Class Cars per allargare il mercato nella regione. Le rinomate concessionarie vantano decenni di esperienza nella distribuzione di brand prestigiosi come Mercedes e Harley Davidson.

"Lynk & Co è semplicemente più di un'auto. E per noi avere Lynk & Co non è solo avere un altro marchio nel nostro portfolio. Volevamo avere qualcosa di diverso. Il fattore connettività è molto importante", ha spiegato Ahmad Firoozi, responsabile marketing di Auto Class Cars.

Intanto Frank Rinderknecht e il suo team sono carichi per la loro prossima avventura. "Un nostro desiderio è andare in Patagonia, a sud del Sud America. Ancora non sappiamo se potremo fare questo viaggio in modo elettrico o con un veicolo tradizionale. Ma l'importante è sognare, e sognare è bellissimo!".

Condividi questo articolo