Terrorismo, i cani sciolti in Europa non sono più così isolari: chi li radicalizza e li recluta?

Su 330 arresti per terrorismo in Europa, 266 erano terroristi jihadisti.
Su 330 arresti per terrorismo in Europa, 266 erano terroristi jihadisti. Diritti d'autore Euronews Webjournalist/
Di Laura Llach
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'Europol avverte che la maggior parte degli attentati terroristici nell'UE saranno compiuti da estremisti solitari e che il fondamentalismo islamico rappresenta la principale minaccia per l'Europa occidentale

PUBBLICITÀ

Solo una settimana fa, Abdesalem Lassoued ha gettato nel caos la città di Bruxelles. Nemmeno la moglie e gli amici più stretti sapevano che il tunisino, che si trovava in Belgio senza permessi, stesse per commettere un atto di terrorismo.

Dopo aver ucciso due cittadini svedesi e feritone un terzo per "vendicare i musulmani", la moglie, che lavorava in un salone di parrucchieri, si è rifugiata in una stazione di polizia locale con la figlia. "Non ho mai notato nulla, né visto segni di radicalizzazione. Eravamo una coppia come tutte le altre", ha dichiarato la donna ai media belgi.

Alcune ore dopo l'attacco, l'ISIS ha affermato che Lassoued era un "combattente" dell'organizzazione terroristica. Tuttavia, le autorità locali hanno suggerito che abbia agito da solo: "L'ipotesi del cane sciolto sembra la più probabile", ha dichiarato il giudice federale Frederic Van Leeuw. A pochi giorni dall'inizio delle indagini, però, i procuratori hanno accusato altre due persone per l'attacco.

Mentre molte domande rimangono senza risposta, il Paese ha elevato l'allarme terrorismo. E non è l'unico in Europa a essere particolarmente vigile: le azioni degli islamisti in Francia e Germania hanno fatto scattare un campanello d'allarme. 

Il terrorismo islamico rimane la principale minaccia terroristica in Europa occidentale e "si prevede che gli estremisti solitari continueranno a perpetrare la maggior parte degli attacchi terroristici nell'UE", ha dichiarato a Euronews il portavoce di Europol, Jan Op Gen Oorth. Ciò che l'organizzazione suggerisce è che i cani sciolti potrebbero non essere così isolati, poiché il processo di reclutamento e radicalizzazione è ben organizzato.

Il primo ministro svedese Ulf Kristersson depone fiori durante una commemorazione delle vittime dell'attacco terroristico
Il primo ministro svedese Ulf Kristersson depone fiori durante una commemorazione delle vittime dell'attacco terroristicoBENOIT DOPPAGNE/AFP

Anche i cani sciolti fanno parte di un branco

Ma chi sta reclutando terroristi in Europa? Nel giro di sei giorni, a ottobre, due attacchi di fondamentalisti islamici hanno avuto luogo in Francia e in Belgio, con un accoltellamento in una scuola nel nord-est della Francia che ha preceduto di poco la sparatoria di Bruxelles.

Da quel momento, Europol ha monitora gli eventi su base giornaliera e sta prendendo misure precauzionali in seguito all'escalation del conflitto tra Israele e Hamas. Secondo il quotidiano El Mundo, la sola Spagna ha più di 300 cani sciolti sotto sorveglianza, essendo un Paese di transito per molti radicali dal Nord Africa all'Europa.

"Se analizziamo il terrorismo nell'UE, osserviamo che dopo l'ondata di attacchi subiti nel contesto della guerra siriana, la frequenza ha iniziato a diminuire dal 2018", ha dichiarato a Euronews Carola García-Calvo, ricercatrice senior sul terrorismo globale presso l'Istituto Reale Elcano di Madrid. L'attacco al Bataclan di Parigi è stato l'ultimo attentato "sofisticato" coordinato dallo Stato Islamico: da quel momento in Europa ci sono stati solo casi di "lupi solitari".

"Quello che vediamo spesso è che, sebbene inizialmente sembrino gesti solitari, le indagini rivelano in seguito che l'attentatore aveva contatti con altre persone legate a gruppi terroristici. Si scopre che non era così solo come sembrava", aggiunge García-Calvo.

Una commemorazione dei morti al Bataclan di Parigi, nel 2017
Una commemorazione dei morti al Bataclan di Parigi, nel 2017Francois Mori/AP

Come vengono reclutati i terroristi?

I dati dell'ultimo rapporto di Europol sulla situazione e le tendenze del terrorismo nell'UE sono chiari. Nel 2022, su 330 arresti per terrorismo in Europa, 266 erano jihadisti.

La diffusione della propaganda online e il suo potenziale di radicalizzazione rappresentano una preoccupazione importante, in quanto rende più facile l'esposizione a contenuti e idee radicali da parte di persone che fino a quel momento non avevano avuto contatti diretti con il fondamentalismo. "Le reti terroristiche possono prendere di mira questi individui vulnerabili e manipolarli per spingerli a commettere atti terroristici apparentemente solitari, ma in realtà parte di obiettivi più ampi", ha dichiarato Jan Op Gen Oorth, di Europol.

"L'isolamento sociale e la mancanza di una solida rete di supporto rimane la principale vulnerabilità. I terroristi la sfruttano per diffondere i loro messaggi e reclutare nuovi seguaci. Ciò è particolarmente preoccupante se si considera il numero crescente di giovani, compresi i minori, che sono esposti alla propaganda terroristica online", ha aggiunto.

I principali gruppi terroristici del mondo, come Al-Qaeda o lo Stato Islamico, hanno scelto di operare attraverso internet perché i loro apparati operativi esterni sono stati gravemente ridimensionati, secondo il ricercatore del Royal Elcano Institute. "Per questo motivo, la strategia preferita da questi gruppi in Europa è attualmente quella di singoli attori che condividono l'ideologia e gli obiettivi dell'organizzazione e che si mobilitano spontaneamente", aggiunge García-Calvo.

Tra i profili più preoccupanti per le forze di sicurezza ci sono quelli che sono stati in zone di conflitto, noti come "foreign fighters", e quelli che sono stati identificati dalle reti per fare il passo successivo e attaccare individualmente.

"Un tempo bisognava andare a una riunione di persone che parlavano dell'ultimo discorso di uno studioso jihadista. Oggi, con pochi clic, si possono trovare libri di propaganda e manuali su come compiere un attacco con il coltello", afferma Olivier Cauberghs, ex detective della polizia federale belga e fondatore dell'Osservatorio europeo sull'odio online. "Internet ha accelerato tutto perché è facile ottenere queste informazioni", aggiunge.

Persone in strada a Barcellona all'indomani di un attacco terroristico, nel 2017
Persone in strada a Barcellona all'indomani di un attacco terroristico, nel 2017Santi Palacios/Copyright 2017 The AP. All rights reserved.

Nessun Paese dell'UE è esente da minacce

Lo shock della guerra tra Israele e Hamas è già stato avvertito in Europa. L'appello alla jihad globale di Khaled Meshal, leader politico dei combattenti di Hamas e uno dei fondatori del gruppo, ha fatto temere il peggio alle città europee. "Il conflitto israelo-palestinese è un elemento chiave ricorrente nella propaganda jihadista. Viene utilizzato per incitare ulteriormente la mobilitazione dei simpatizzanti", afferma García-Calvo.

"Oggi possiamo dire che nessun Paese dell'Unione europea sia esente da questa minaccia. Anche se alcuni sono più colpiti, come la Francia, il Belgio, il Regno Unito e persino la Spagna", aggiunge.

Mentre la polizia si concentra su questi individui, Europol avverte che il processo di radicalizzazione sta diventando sempre più decentralizzato e volatile: "I soggetti si collegano e si ispirano a vicenda, unendosi dietro a rimostranze che trascendono l'ideologia o l'appartenenza a un gruppo", afferma Jan Op Gen Oorth.

PUBBLICITÀ

"I media forniscono molti dettagli sull'attentatore e sulla sua vita. La gente vede che questa persona è un essere umano come tutti gli altri e vuole seguire le sue orme perché si identifica con lui", afferma Cauberghs. "Per questo motivo dobbiamo stare molto attenti a ciò che condividiamo online, in modo che i terroristi non vengano trasformati in eroi, martiri o santi", aggiunge.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, mega operazione di polizia: più di 300 arresti per sospetti legami con lo Stato Islamico

Attentato a Parigi, l'aggressore era già stato condannato nel 2018 per terrorismo

Germania: due arresti a Berlino, si cercano i latitanti della Raf