EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Altri 2 soccorsi per la Life Support, ora 69 migranti a bordo

La nave di Emergency verso Livorno
La nave di Emergency verso Livorno
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 08 OTT - Altri due soccorsi nella mattinata di oggi per la Life Support di Emergency, che dopo il primo salvataggio di 21 persone ieri, ha portato in salvo altri 48 naufraghi. In totale, nelle tre operazioni, sono 69 le persone soccorse. Alle 9 la nave ha concluso l'intervento su una barca con 21 persone alla deriva in acque internazionali, in zona sar maltese. L'imbarcazione, in legno e con il motore non funzionante, era partita da Zwara (Libia) alle 20 di venerdì. Alle 10.30 la Life Support, sempre in zona sar maltese, ha preso a bordo altri 27 naufraghi partiti da Sfax (Tunisia) che navigavano da ieri sera su un mezzo che imbarcava acqua. Le operazione di oggi, ha commentato Emanuele Nannini, capomissione della Life Support, si sono svolte in coordinamento con il Centro marittimo di Roma "che era a conoscenza dei casi e ci ha supportato durante i salvataggi". Dei 48 naufraghi soccorsi in totale oggi, 4 sono donne e 12 minori non accompagnati. Provengono da Algeria, Egitto, Libia, Siria, Sudan, Sud Sudan, Tunisia: anche in questo caso si tratta di Paesi colpiti da guerra, instabilità politica, crisi economica, disastri ambientali, sottolinea la ong. La Life Support prosegue verso il porto assegnato, Livorno, rendendosi disponibile alle autorità per altri soccorsi. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi di Parigi 2024, città blindata e controlli a tappeto: in mille interdetti dall'evento

Polonia, manifestanti in piazza a Varsavia in difesa del diritto all'aborto

Guerra in Ucraina: Kiev mette pressione in Crimea, Mosca attacca le infrastrutture