"Politicamente impossibile": Ungheria e Polonia si oppongono fermamente alle riforme migratorie

Ungheria e Polonia si oppongono alle riforme migratorie proposte al vertice di Granada
Ungheria e Polonia si oppongono alle riforme migratorie proposte al vertice di Granada Diritti d'autore Manu Fernandez/ AP.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al meeting di Granada Vikor Orbán e Andrzej Duda si sono opposti fermamente alle proposte dell'Ue sull'immigrazione. I due leader sostengono di subire pressioni dagli alleati europei

PUBBLICITÀ

Al vertice dell'Unione europea tenutosi a Granada, in Spagna, è scoppiato un forte dibattito sul tema dell'immigrazione. Polonia e Ungheria si oppongono fermamente alle riforme proposte per far fronte ai flussi migratori che, seguendo varie rotte, arrivano in Europa e, principalmente, in Italia. 

Viktor Orbán sostiene che 27 paesi non saranno in grado di trovare un compromesso. Ha accusato i partner europei di aver costretto Budapest e Varsavia ad accettare le proposte.

Secondo il primo ministro ungherese Ungheria e Polonia sarebbero state tenute fuori dalle ultime riunioni in cui si è discusso delle proposte.

"Ora non c'è alcuna possibilità di raggiungere un compromesso. - ha detto - Politicamente è impossibile non oggi,ma in generale".

"Hanno spinto Ungheria e Polonia ad approvare la riforma sull'immigrazione
Viktor Orbán
Primo ministro ungherese

Il presidente polacco Andrzej Duda ha dichiarato che anche Varsavia si oppone fermamente alle riforme migratoria. "Diciamo costantemente di no tutto il tempo".

Il progetto proposto è quello di introdurre nuove regole per costringere i paesi dell’UE a un meccanismo di solidarietà per la ricollocazione degli immigrati clandestini nei vari territori.

Manu Fernandez/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
I leader dell'Unione europea posano per una foto di gruppo al vertice di GranadaManu Fernandez/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Tra i leader presenti al vertice figurano il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro ad interim spagnolo Pedro Sánchez e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Oltre al tema dell'immigrazione venerdì i leader dell’Ue hanno dovuto affrontare uno dei grattacapi politici che da mesi monopolizza il dibattito politico: come e quando accogliere nel blocco l’Ucraina così come anche altri paesi dei Balcani occidentali e la Moldavia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Allargamento dell'Unione europea: missione possibile?

"Rispondere alla chiamata della storia": l'Unione europea secondo Ursula von der Leyen

Francia, agricoltori circondano l'Arco di Trionfo in piena notte: 66 arresti