EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Parigi fornirà armi all'Armenia. Il ministro degli Esteri francese a Yerevan

Il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna con il suo omologo armeno  Ararat Mirzoyan
Il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna con il suo omologo armeno Ararat Mirzoyan Diritti d'autore ALAIN JOCARD/AFP or licensors
Diritti d'autore ALAIN JOCARD/AFP or licensors
Di Ilaria Cicinelli
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

È quanto dichiarato dal ministro degli Esteri francesi Catherine Colonna durante una conferenza stampa insieme alla sua controparte armena. Il 5 ottobre via ai trattati di pace

PUBBLICITÀ

La Francia fornirà armi all'Armenia. In visita nel Paese, il Ministro degli Esteri francese Catherine Colonna ha dichiarato che Parigi ha accettato di consegnare equipaggiamenti militari alla piccola nazione del Caucaso meridionale. L'intenzione è quella di  "garantire la difesa del Paese", ha dichiarato ai giornalisti.

"Potete contare sul nostro continuo sostegno", ha dichiarato il ministro francese. La dimostrazione di amicizia della Francia nei confronti dell'Armenia arriva dopo che l'Azerbaigian ha preso il controllo della regione del Nagorno-Karabakh.
"Con la tragedia umana che si sta consumando nel Nagorno-Karabakh e l'afflusso di rifugiati, circa 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case sotto la minaccia della violenza e a cercare rifugio qui in Armenia. Abbiamo reagito molto rapidamente", ha aggiunto Colonna.

Nel tweet: guardate cosa hanno fatto alla mia bella Stepanakert

Il ministro ha anche incontrato le vittime armene ferite dall'esplosione di un deposito di benzina mentre fuggivano dalla regione. Nei prossimi giorni Parigi trasferirà negli ospedali francesi quattro persone gravemente ferite. 

Il ministro degli Esteri armeno Ararat Mirzoyan ha sottolineato che "Per una pace duratura è necessario scegliere la strada del dialogo politico e della disponibilità reciproca",  durante una conferenza stampa con la controparte francese a Yerevan, la capitale armena.

Attesa per i trattati di pace

Sebbene l'Azerbaigian si sia impegnato a rispettare i diritti delle persone di etnia armena, la maggior parte di loro si è affrettata a fuggire dalla regione, temendo rappresaglie dopo tre decenni di dominio separatista. "Una popolazione di oltre 100mila armeni del Nagorno-Karabakh ha dovuto lasciare la propria patria storica per far fronte alle minacce", ha aggiunto Mirzoyan.

In un'operazione di 24 ore, iniziata il 19 settembre, l'esercito azero ha sbaragliato le esigue forze armene della regione, costringendole a capitolare. Il governo separatista ha poi accettato di sciogliersi entro la fine dell'anno, ma le autorità azere sono già al comando della regione.

In un comunicato, l'ufficio presidenziale dell'Azerbaigian ha dichiarato che il Paese ha presentato un piano per la "reintegrazione dell'etnia armena nella regione", osservando che "l'uguaglianza dei diritti e delle libertà, compresa la sicurezza, è garantita a tutti, indipendentemente dalla loro appartenenza etnica, religiosa o linguistica".

Il 5 ottobre il primo ministro dell'Armenia Nikol Pashinyan incontrerà il presidente azero Ilham Aliyev a Granada, in Spagna, per stipulare un trattato di pace che ponga fine a trent'anni di conflitto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Parlamento Ue accusa l'Azerbaigian di "pulizia etnica" contro gli armeni del Nagorno-Karabakh

Altri 2 soldati israeliani uccisi a Gaza: bilancio delle vittime dell'Idf oltre 300

Corea del Nord: Le immagini delle sfarzose celebrazioni per l'arrivo di Putin