EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Contraccezione forzata, le donne della Groenlandia chiedono un risarcimento alla Danimarca

Bambini giocano in un parco giochi nel remoto villaggio della Groenlandia orientale di Ittoqqortoormiit, nel fiordo di Scoresby Sound, nella Groenlandia orientale, il 17 agosto 2023.
Bambini giocano in un parco giochi nel remoto villaggio della Groenlandia orientale di Ittoqqortoormiit, nel fiordo di Scoresby Sound, nella Groenlandia orientale, il 17 agosto 2023. Diritti d'autore OLIVIER MORIN/AFP or licensors
Diritti d'autore OLIVIER MORIN/AFP or licensors
Di Euronews Agenzie:  AFP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Negli anni '60, la Danimarca ha cercato di ridurre il tasso di natalità nel territorio artico, un tempo sua colonia

PUBBLICITÀ

Alcune erano appena adolescenti quando è stata impiantata una spirale (Iud) - forma di controllo delle nascite che può prevenire la gravidanza sino a 10 anni - senza il loro consenso.

Ora, 67 donne nate in Groenlandia hanno presentato una richiesta di risarcimento alla Danimarca, chiedendo circa 40.000 euro a testa.

Alla fine degli anni '60, Copenhagen ha attuato una politica contraccettiva per limitare le nascite nel territorio artico, allora controllato dalla Danimarca (anche se ha cessato di essere una colonia nel 1953).

Una serie di podcast trasmessi nella primavera del 2022 da radio e televisione danese ha rivelato la portata di questa campagna, in un momento in cui la Danimarca e la Groenlandia, che ha acquisito lo status di territorio autonomo nel 2009, stanno ripassando in rassegna il loro passato.

Un'inchiesta commissionata su questa politica, avviata lo scorso anno, dovrà pubblicare le sue conclusioni nel 2025, ma le donne ambiscono ad un risarcimento più rapidamente.

OLIVIER MORIN/AFP or licensors
This photograph taken on August 17, 2023, shows the remote Eastern Greenland village of Ittoqqortoormiit.OLIVIER MORIN/AFP or licensors

"Non vogliamo aspettare i risultati dell'indagine - ha dichiarato all'AFP la psicologa Naja Lyberth, che ha avviato la richiesta di risarcimento - stiamo invecchiando: le più anziane tra noi, che hanno avuto impiantato lo Iud negli anni '60, sono nate negli anni '40 e si stanno avvicinando agli 80 anni, vogliamo agire ora".

Negli anni '60 e '70, circa 4.500 giovani Inuit si sono sottoposte all'impianto senza il loro consenso o quello della loro famiglia.

Un gran numero di donne non era consapevole di portare un dispositivo di contraccezione e, sino a poco tempo fa, i ginecologi groenlandesi trovavano le spirali in donne ignare della loro presenza, secondo Lyberth.

"È già chiaro al 100% che il governo ha contravvenuto alla legge, con violazioni dei diritti umani e gravi abusi nei nostri confronti", ha aggiunto.

Lyberth sostiene che il governo rifiuterà le loro richieste in attesa dei risultati dell'indagine, nel qual caso la questione sarà portata in tribunale.

Nel 2022, sei Inuit hanno ottenuto scuse e risarcimenti, più di 70 anni dopo essere state separate dalle loro famiglie per partecipare ad un esperimento volto a formare un'élite di lingua danese sull'isola.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il miglior Paese d'Europa in cui "essere donna"? La Danimarca. Italia al 34° posto

In Groenlandia, prima che scompaia...

La Groenlandia vota verde: no allo sfruttamento minerario del monte Kuannersuit, stop ai progetti