EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Assalto a Capitol Hill, Enrique Tarrio condannato a 22 anni perché la mente di quella giornata

frame
frame Diritti d'autore Allison Dinner/AP
Diritti d'autore Allison Dinner/AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tarrio non ha partecipato di persona alla rivolta, ma per l'accusa è stato la mente di una delle giornate più nere per gli Stati Uniti

PUBBLICITÀ

 Enrique Tarrio, ex leader dei Proud Boys, è stato condannato a 22 anni di carcere per le responsabilità nell'assalto al Congresso compiuto il 6 gennaio 2021. 

"Quel giorno è stata attaccata la democrazia americana stessa e Enrique Tarrio è stato il leader assoluto dietro quell'assalto", così il giudice Timothy Kelly.

La condanna più pesante

La condanna emessa dal giudice distrettuale Timothy Kelly è la più pesante tra tutte quelle dei procedimenti legati ai disordini. Tarrio è stato riconosciuto colpevole di cospirazione sediziosa e di aver avuto un ruolo guida nel complotto per evitare il trasferimento dei poteri da Donald Trump al presidente eletto Joe Biden.

"Il signor Tarrio è stato il leader preminente di quella cospirazione. Non credo si possa discutere. Penso che le prove supportino la tesi secondo cui il signor Tarrio fosse il leader,  la persona a capo dell'organizzazione motivata da una spinta rivoluzionaria", ha detto il giudice.

Tarrio era stato arrestato a Washington alcuni giorni prima dei disordini per aver bruciato uno striscione inneggiante alla campagna Black Lives Matter e per aver portato caricatori di armi nel District of Columbia. Dopo il rilascio, aveva dovuto lasciare la città per disposizione del giudice. Pur non essendo presente a Capitol Hill durante l'assalto, Tarrio è stato condannato per "l'enorme impatto sugli eventi di quel giorno". 

Così il giudice Timothy Kelly ha motivato la condanna a 22 anni di carcere, la più pesante finora per l'attacco a Capitol Hill del 6 gennaio 2021, contro il capo del gruppo estremista americano dei Proud Boys, classe 1984, di Miami. 

Noah Berger/Noah Berger
frameNoah Berger/Noah Berger

Chi è Enrique Tarrio

A capo del gruppo estremista americano dei Proud Boys, classe 1984, di Miami, Tarrio in aula è apparso completamente trasformato. Tutto questo così come la lettera che l'uomo ha letto e le lacrime non sono bastate.

"La cospirazione sediziosa è un reato molto grave", ha detto ancora il giudice distrettuale leggendo la sentenza.

Il mio dispiacere più grande sono i danni inflitti ad altri, mi vergogno
Enrique Tarrio, ex leader Proud boys

 Prima erano intervenute la madre e la sorella di Tarrio che avevano chiesto clemenza, poi lo stesso leader dei Proud boys, completamente trasformato rispetto all'immagine da duro che ha voluto dare in questi anni di militanza estremista. "Ho avuto molte opportunità per evitare tutto questo e il mio dispiacere più grande sono i danni inflitti ad altri", ha detto leggendo una dichiarazione scritta. "Mi vergogno e dovrò vivere con questa vergogna per il resto della mia vita. La mia tracotanza mi ha fatto credere che fossi una vittima", ha proseguito quasi in lacrime. "Non sono un fanatico. Fare danni o cambiare il risultato del voto non erano i miei obiettivi", ha aggiunto il leader estremista. "Quando torno a casa non voglio più avere niente a che fare con la politica, i gruppi, l'attivismo o le manifestazioni", ha concluso Tarrio che, evidentemente, non è riuscito a convincere il giudice.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, condannato il figlio di Biden Hunter: "Rispetto la giustizia" dice il presidente Usa

Trump colpevole per i pagamenti a Stormy Daniels: prima condanna a un ex presidente, pena a luglio

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"