EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Rodi e Corfù in fiamme, l'esperto spiega: "Quando un incendio esplode non si può contenere"

Rodi, 24.7.2023.
Rodi, 24.7.2023. Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews Greece - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Grecia affronta devastanti incendi ormai ogni estate, ma negli ultimi anni il cambiamento climatico li sta rendendo più vasti, più veloci e più difficili da fermare. Secondo l'esperto Thodoris Giannaros, "quello che possiamo fare è investire nella prevenzione"

PUBBLICITÀ

Infuria ancora, incontrollabile, l'incendio di Rodi

I Vigili del Fuoco non sembrano in grado di domare il rogo, anche se ogni risorsa possibile è stata inviata sull'isola.

La Grecia affronta devastanti incendi ormai ogni estate, ma negli ultimi anni il cambiamento climatico li sta rendendo più vasti, più veloci e più difficili da fermare.

Prova a spiegare la situazione Thodoris Giannaros, ricercatore associatore dell'Istituto per la Ricerca ambientale: 
''Quello che è successo a Rodi è l'esplosione di un incendio boschivo. Avvenuto a causa delle condizioni piro-meteorologiche, in combinazione con le condizioni dei giorni precedenti: tempo molto caldo e secco. Ma anche i forti venti aiutano l'incendio a diventare molto intenso e a sviluppare carichi termici molto grandi e questo ha portato alla sua esplosione. E per esplosione intendiamo che il fuoco, con tutta questa intensità, ha iniziato a propagarsi ovunque e rapidamente e ad avere comportamenti estremi''.

Euronews
"Questo è il caso dell'esplosione di un incendio".Euronews

Situazione ed evacuazione

Il caldo estremo dell'estate greca con temperature superiori ai 40 gradi ha essiccato la vegetazione e l'ha resa molto infiammabile. 

Nella notte tra domenica e lunedì le autorità hanno evacuato dalla sola Corfù altre 2.500 persone, dopo che altre 19.000, tra cui tantissimi turisti, sono stati trasferiti in luoghi sicuri a Rodi.

Secondo fonti della Protezione Civile ellenica, riprese dai media, gli incendi hanno colpito anche la seconda isola più grande della Grecia, Èvia (conosciuta anche come Eubea), dove in un villaggio settentrionale la scorsa notte è stato emesso dalle autorità un ordine di evacuazione.

Nelle ultime ore è stato evacuato, martedì mattina, anche il villaggio di Loutses, nel nord di Corfù, .divampato domenica alle pendici del monte Pantokratoras.  
Secondo i pompieri greci, il fuoco ha ripreso forza nella zona di Palia Peritheia. 

"Dobbiamo investire nella prevenzione"

''Quando un incendio estremo si propaga così velocemente non è possibile contenerlo", continua Thodoris Giannaros. 
"Dobbiamo capire che gli incendi estremi, che possono trasformarsi in mega-incendi, non possono essere contenuti e questo non riguarda solo la Grecia, ma tutti i meccanismi antincendio nel mondo. Quello che possiamo fare è investire nella prevenzione, in modo da essere più preparati, e possiamo mettere a frutto gli strumenti scientifici che sono già disponibili''.

Secondo gli scienziati, una cattiva gestione delle foreste porta ad un aumento dei carichi di combustibile e all'accumulo di vegetazione del tipo più infiammabile.

Quando questo è combinato con condizioni meteorologiche estreme e forti venti, l'unica cosa da fare è evacuare la popolazione della zona.

Euronews racconta

Il terribile incendio sull'isola di Evia.
9.8.2021

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Italia flagellata da grandinate e incendi: cinque regioni in stato di emergenza

Grecia, la Corte di Atene rivede assoluzioni per l'incendio di Mati: nuovo processo per 20 imputati

Clima, Grecia: sembra di stare su Marte, è Atene