EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Bosnia-Erzegovina: pressioni politiche sulla Corte costituzionale dalla Repubblica Serba

manifestanti tengono uno striscione con i contorni della Repubblica Srpska e la scritta "Il nostro Stato". Repubblica Srpska, il 20 aprile 2022.
manifestanti tengono uno striscione con i contorni della Repubblica Srpska e la scritta "Il nostro Stato". Repubblica Srpska, il 20 aprile 2022. Diritti d'autore ELVIS BARUKCIC/AFP or licensors
Diritti d'autore ELVIS BARUKCIC/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'assemblea della Repubblica Serba ha approvato una proposta di legge sulla non applicazione delle decisioni della Corte costituzionale della Bosnia-Erzegovina sul loro territorio

PUBBLICITÀ

Ennesimo strappo della Repubblica serba di Bosnia-Erzegovina (Repubblica Srpska), dove i rappresentanti dell'Assemblea Nazionale hanno votato per sospendere la validità delle decisioni della Corte Costituzionale e dell'Ufficio dell'Alto Rappresentante dal territorio bosniaca sul loro territorio.

"Siamo qui per la completa pulizia della Bosnia-Erzegovina da qualsiasi influenza straniera, non solo dai falsi Alti rappresentanti e dagli stranieri della Corte Costituzionale, ma anche dall'ambasciatore statunitense che interferisce negli affari interni della Bosnia-Erzegovina", ha affermato Milorad Dodik, presidente della Repubblica serba.

La Repubblica serba è infastidita dalla composizione della Corte Costituzionale bosniaca: quattro provengono dalla Federazione della Bosnia-Erzegovina, due dalla Repubblica serba e tre sono stranieri, scelti dalla Corte europea dei diritti dell'uomo. La rottura è arrivata dopo l'ultima modifica del regolamento della corte costituzionale, che prevede una minore importanza della rappresentanza di etnia serba al suo interno: solo la maggioranza dei cinque giudici è importante, indipendentemente dalla nazionalità delle tre nazioni costituenti. 

Le reazioni dei politici bosniaci

I membri dell'Assemblea parlamentare bosniaca ritengono che la retorica di Dodik sia un'argomentazione per sostenere l'eccessiva rilevanza all'interno della corte dei giudici stranieri, il cui mandato, secondo gli accordi di Dayton (1995) sarebbe dovuto durare solo 5 anni.

"Si tratta di un atto criminale di sedizione, di secessione legale e di un attacco all'Accordo di Dayton", ha affermato Predrag Kojović, membro dell'Assemblea parlamentare bosniaca

Il Ministro degli Esteri della Elmedin Konaković collega direttamente la crisi con la disputa che la Serbia ha sul Kosovo

"Dodik potrebbe cercare di rendere le cose più facili o più difficili per (Aleksandar) Vučić, non sono ancora sicuro di cosa stia effettivamente accadendo", afferma Konaković. Il legame tra la questione dell'integrità territoriale della Serbia e la questione del Kosovo come soluzione finale".

Molti attori politici ritengono che dietro la retorica di Milorad Dodik ci sia la cattiva situazione economica della Repubblica di Serbia. Gli ultimi stipendi del settore pubblico sono stati pagati con diversi giorni di ritardo, e alla fine sono stati pagati senza contributi pensionistici. La Repubblica serba della Bosnia-Erzegovina deve anche restituire più di 500 milioni di euro presi in prestito da varie istituzioni finanziarie entro la fine dell'anno. A tutto ciò si aggiunge il calo della riscossione delle imposte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Repubblica serba di Bosnia contro la proposta all'Onu di Sarajevo: una giornata per Srebrenica

Orbán a Sarajevo: faremo il possibile per sostenere l'adesione Ue della Bosnia-Erzegovina

Sarajevo è la città più inquinata al mondo, a Roma e Milano dati preoccupanti