EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

I detenuti europei nelle carceri dell'Iran: violenze, torture e condanne a morte

Proteste in Iran.
Proteste in Iran. Diritti d'autore Martial Trezzini/AP2011
Diritti d'autore Martial Trezzini/AP2011
Di Alberto De Filippis - Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I familiari dei cittadini europei detenuti in Iran hanno accettato di raccontare le loro storie: violenze fisiche e mentali, torture e condanne a morte. "Mia mamma è sempre bendata nella sua minuscola cella"... In pochi vengono liberati: ce l'hanno fatto due cittadini francesi, il 12 maggio

PUBBLICITÀ

Gli europei detenuti in Iran stanno affrontando torture, lunghe condanne e, per alcuni, anche la pena di morte. 
Le famiglie di alcuni di questi prigionieri hanno condiviso le loro storie con Euronews.

La mamma di Mariam Claren, Nahid Taghavi, cittadina tedesco-iraniana, è stata arrestata nell'ottobre 2020.

"Tutta la mia vita e il mio lavoro sono cambiati da quando mia madre è stata arrestata".
Mariam Clarem

Racconta Mariam Claren:
“Era un venerdì sera quando è stata arrestata dall'ala dell'intelligence del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche. Mia madre Nahid Taghavi è cittadina tedesca e stava viaggiando tra l'Iran e la Germania. La ragione principale del suo arresto è stata che da più di quattro decenni difendeva i diritti delle donne e del lavoro”.

Euronews
"Dopo l'arresto di di mia mamma, la mia è drammaticamente cambiata".Euronews

Le famiglie possono solo immaginare gli abusi mentali e fisici subiti dai loro parenti incarcerati.

Continua Mariam Claren: “Mia mamma è sempre bendata, nella sua piccola cella, che è solo due o tre metri. Quindi una stanza molto piccola. Si diventa sempre più deboli. Ogni giorno si è trascinati nelle stanze degli interrogatori. Senza mai vedere gli agenti che fanno l'interrogatorio. Mia mamma è sempre bendata e non prende mai aria fresca".

Ahmad Redza Djalali è stato arrestato nel 2016 con l'accusa di spionaggio. La sentenza di condanna a morte è già stata pronunciata.

Vida Mehranni, la moglie:
"Quando mio marito è andato in Iran, mio ​​figlio aveva quattro anni. Mia figlia aveva 13 anni. E mia figlia ha 20 anni. Mio figlio ora ha 11 anni. Sono passati sette anni. Come si può immaginare di stare in una cella senza cure mediche?"

Euronews
"Sono già sette anni che mio marito è in carcere in Iran".Euronews

E gli ex prigionieri continuano la lotta dall'estero, come Massoumeh Raouf, che è riuscito a fuggire dall'Iran dopo essere stato arrestato...

Racconta Massoumeh Raouf:
"Sono stata arrestata per strada, nel settembre 1981. Mi sospettavano di essere una simpatizzante delle organizzazioni mujahedin del popolo iraniano. Questo semplice sospetto è stato sufficiente per farci arrestare e torturare e, qualcuno è stato giustiziato. Per fortuna, la Francia mi ha dato l'opportunità di venire qui".

Euronews
Massoumeh Raouf ce l'ha fatta!Euronews

Dopo essere fuggita dall'Iran, Massoumeh Raouf è entrata nel Consiglio nazionale della resistenza iraniana, con sede in Francia.

Ma per alcuni, per fortuna, c'è una luce alla fine del tunnel. Il 12 maggio sono stati liberati due cittadini francesi: Benjamin Brière e Bernard Phélan.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Liberato il cooperante belga Olivier Vandecasteele: era in prigione in Iran da oltre un anno

L'Iran testa un missile balistico in grado di colpire le basi israeliane e USA nella regione

Iran, alle cerimonie funebri di Raisi rappresentanti da tutto il mondo: Khamenei incontra Haniyeh