EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Pil e crescita economica sono concetti superati?

Pil e crescita economica sono concetti superati?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Oleksandra Vakulina
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In vista della conferenza "Beyond Growth 2023" la giornalista di Euronews Sasha Vakulina ne ha discusso con politici e attivisti

PUBBLICITÀ

Secondo le prime stime la produzione economica dell'Unione europea è aumentata dello 0,3% nei primi tre mesi del 2023 rispetto al trimestre precedente. Ciò significa che l'economia europea ha evitato la recessione durante l'inverno, riprendendo leggermente il passo. Ma qual è la situazione in questo momento? Si può misurare con la semplice variazione percentuale trimestrale?

Crescita economica è un concetto spesso usato dai politici. Ma cosa significa in realtà? In parole povere, è l'aumento o la diminuzione delle dimensioni dell'economia di un Paese in un periodo di tempo. Può essere positivo o negativo. Di solito si misura con il prodotto interno lordo, altrimenti noto come Pil. L'idea è quella di riflettere il valore di tutti i beni e servizi prodotti all'interno di un'economia. Un indicatore chiave della sua salute generale. 

Ma se ribaltassimo questa idea di modello economico e andassimo oltre la crescita? Si tratterebbe di qualcosa di molto diverso. Per cominciare, non utilizzare il Pil è il modo principale per raggiungere gli obiettivi di politica economica. Significherebbe anche vivere all'interno dei nostri mezzi e non crescere costantemente a un ritmo insostenibile. Ma come si è arrivati a un cambiamento così importante? Questa è la domanda a cui i politici e gli esperti europei stanno cercando di rispondere.

In vista della conferenza "Beyond Growth 2023", la giornalista di Euronews Sasha Vakulina ha discusso di questi temi con Philippe Lamberts, copresidente del gruppo dei Verdi, Olivier De Schutter, relatore speciale delle Nazioni unite sulla povertà estrema e i diritti umani, Adélaïde Charlier, attivista per la giustizia climatica e i diritti umani e Sandrine Dixson-Declève, co-presidente del Club di Roma. Clicca sul player in alto per guardare il dibattito.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

J.D. Vance, la scelta di Trump per la vicepresidenza è un problema per l'Europa?

Estonia, la premier Kallas si dimette: guiderà la diplomazia dell'Unione europea

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"