EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Dopo la sparatoria di Belgrado, Vučić: "Controllare tutti i permessi per il porto d'armi"

Pellegrinaggio sul luogo della strage. (Belgrado, 3.5.2023)
Pellegrinaggio sul luogo della strage. (Belgrado, 3.5.2023) Diritti d'autore Screenshot
Diritti d'autore Screenshot
Di Cristiano TassinariEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Serve una revisione di tutti i permessi concessi per il porto d'armi": è la prima misura annunciata dal presidente serbo Vučić, all'indomani della tragedia nella scuola di Belgrado, dove un 13enne ha ucciso otto bambini e una guardia di sicurezza

PUBBLICITÀ

Belgrado piange gli otto bambini (sette femmine, tra cui una bambina di cittadinanza francese, e un maschio) e la guardia di sicurezza uccisi mercoledì mattina da uno studente di 13 anni nella scuola "Vladislav Ribnikar", nel centro della capitale della Serbia. 

L'aggressore, Kosta Kecmanovic, ha ferito anche altri sei bambini e un insegnante. prima di chiamare la polizia e consegnarsi.

La giovane età dell'assassino e le notizie secondo cui avrebbe pianificato la strage - con mappe della scuola e nomi degli alunni da colpire - hanno scioccato l'opinione pubblica di tutta la Serbia.

Un'Insegnante racconta:
"I bambini sono morti. E anche un'altra persona. Non sarebbe mai dovuto accadere. Putroppo è successo, ed è umano dire che mi dispiace e che questa è una cosa terribile".

Screenshot
"Una cosa terribile".Screenshot

Il papà di un bambino che frequenta la stessa scuola dove è avvenuta la sparatoria:
"Sono fortunato che mio figlio sia vivo... Ma mi metto nei panni dei genitori che hanno perso i loro figli per sempre. Non so cosa dire... Questa tragedia non è nello spirito della nostra società, questa è la prima volta che accade“.

Screenshot
"Io sono fortunato che mio figlio sia vivo"...Screenshot

La sparatoria di Belgrado ha innescato un vortice di discussioni sul controllo delle armi in Serbia.

Il presidente serbo Aleksandar Vučić ha proposto diverse nuove misure, tra cui una moratoria sull'emissione del porto di armi e la revisione di tutti i permessi rilasciati negli ultimi anni.

Rivolgendosi alla nazione "unita nel dolore", il presidente Vučić ha dichiarato:  

"Nella sua dichiarazione, il ragazzo ha mostrato di aver pianificato tutto. Lo ha spiegato in un modo strano, che non si può spiegare alle persone che hanno perso i propri figli".
Aleksandar Vučić
53 anni, presidente della Serbia
Darko Vojinovic/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Il discorso del presidente serbo Aleksandar Vučić. (Belgrado, 3.5.2023)Darko Vojinovic/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Secondo la Procura di Belgrado, lo studente killer avrebbe usato le pistole del padre, munite di permessi legali. 

Entrambi i genitori del ragazzo sono stati arrestati.

Un recente sondaggio colloca la Serbia al terzo posto nella classifica delle armi da fuoco in circolazione, con 39 armi ogni 100 abitanti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Serbia: migliaia in piazza contro il governo dopo la strage a scuola

Incertezze sugli accordi tra Serbia e Kosovo: l'accordo potrebbe slittare

Serbia: proteste a Belgrado, chiesto l'annullamento delle elezioni