EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

"Scartata al lavoro perché transgender", denuncia a Cagliari

Martina, 21 anni, "periodo di prova nel locale era andato bene"
Martina, 21 anni, "periodo di prova nel locale era andato bene"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 25 APR - "Non mi hanno scelta per il lavoro nel locale perché sono trangender". È la denuncia che una 21enne di Cagliari, Martina Floris ha affidato al proprio profilo Facebook. "Questi episodi per me non sono nuovi - ha detto poi all'ANSA Martina - sono cose che ho già vissuto e hanno vissuto anche le mie amiche. Continueranno a capitare fino a quando la società non cambierà". Martina si è sfogata sui social, raccontando quanto le è accaduto alcuni giorni fa. "Qualche settimana fa una mia cara amica mi ha proposto di fare una prova nel locale dove lei attualmente lavora, un locale che fa aperitivi al centro di Cagliari - si legge nel suo post su Facebook -. Io ovviamente accetto, chiedendole diverse volte se avesse per caso specificato al proprietario che io sono una ragazza transgender. Lei mi dice 'stai tranquilla', lo sanno e non è un problema perché sono tutti aperti mentalmente, ti troverai benissimo". La prova va bene: "piaccio e loro piacciono a me", scrive ancora la 21enne, che però poi non viene più contattata. "Passano due settimane e decido di chiedere a questa mia amica il perché. Lei ammette a malincuore che io non sono stata assunta non perché non sia piaciuta lavorativamente, ma perché donna trans". E aggiunge che sarebbero arrivate "delle lamentele da parte dei clienti, quindi il proprietario ha deciso di non chiamarmi". Il commento della 21enne è poi duro e amaro "Sapete cosa mi dispiace - scrive su Facebook - che un'altra volta, nel 2023, sia stata più forte la paura di perdere clienti per il pregiudizio che il bisogno di personale in gamba. Italia, non ci siamo. Non voglio mai più sentire che le donne trans sono tutte prostitute, molte scelgono di fare quel mestiere, altre (come me) no. Altre ancora sono spinte a farlo per campare perché la società non le fa lavorare". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turbolenza su un volo dal Qatar diretto in Irlanda: almeno 12 feriti

Guerra in Ucraina, salgono a 16 le vittime dell'attacco russo su un negozio a Kharkiv

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv