Usa chiesero subito i telefoni di Uss

Decine e decine di volte scattò il segnale d'allarme in tre mesi
Decine e decine di volte scattò il segnale d'allarme in tre mesi
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 17 APR - L'autorità giudiziaria degli Stati Uniti aveva richiesto il sequestro dei telefoni e dei dispositivi elettronici di Artem Uss già contestualmente all'arresto dell'imprenditore russo, che fu eseguito dalla Polaria a Malpensa il 17 ottobre. Emerge, da quanto si è saputo, dagli atti dell'arresto contenuti nel fascicolo sul caso del 40enne evaso dai domiciliari a Basiglio (Milano) il 22 marzo, il giorno dopo l'ok dei giudici all'estradizione negli Usa. Da quanto si è appreso, in base all'articolo 18 del trattato bilaterale Italia-Usa sulle estradizioni, un articolo riguardante la "consegna di beni, strumenti, oggetti e documenti", gli Stati Uniti avevano richiesto già con l'arresto lo scorso ottobre il sequestro dei dispositivi e dei telefoni dell'uomo d'affari. Telefoni che, invece, a quanto risulta, non sono stati sequestrati, perché quando Uss uscì dal carcere il 2 dicembre per andare ai domiciliari gli furono riconsegnati (li aveva lasciati al carcere di Busto Arsizio prima di entrare in cella). La rogatoria degli Usa che arrivò in Procura a Milano il 17 febbraio, con la richiesta di sequestro di telefoni, dispositivi e anche carte di credito, potrebbe essere stata, dunque, un sollecito ulteriore da parte degli Stati Uniti. Fu eseguita il 13 marzo, quando finalmente furono sequestrati i due telefoni che erano rimasti nella disponibilità di Uss. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, aumentano gli aiuti umanitari ma preoccupa la crisi idrica

È morto Roberto Cavalli, lo stilista fiorentino aveva 83 anni

Le notizie del giorno | 12 aprile - Serale