EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

A Lodi match calcio femminile vietato da fascismo 90 anni fa

Era il primo ottobre 1933. Squadre sfidarono divieto del regime
Era il primo ottobre 1933. Squadre sfidarono divieto del regime
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LODI, 15 APR - Novant'anni fa, il primo ottobre 1933, fu interrotta dal fascismo la partita di calcio femminile tra l'Alessandria e il Gruppo femminile calcistico (Gfc) fondato, a Milano, dalle sorelle lodigiane Boccalini: Marta, Rosetta, Luisa e anche Giovanna, che poi diventò partigiana, componente dei gruppi di difesa della donna, assessore a Milano, vice presidente nazionale di Inca e Inps. Oggi, a Lodi, alle 16.35 è stato fischiato l'inizio di quella partita al campo sportivo Nuova Lodi tra le formazioni femminili Partizan Bonola di Milano e Alessandria. E già al quarto minuto l'Alessandria ha fatto gol. "Questa cosa ci emoziona tutti - ha spiegato Maria Grazie Spanò, presidente dell'Alessandria Calcio -. Ancora oggi le sorelle Boccalini ci insegnano che le donne devono insistere, per vedersi riconosciuti i diritti che le spettano". L'iniziativa è stata voluta da Snoq Lodi e Toponomastica femminile, con il sostegno di altre associazioni con il Comune di Lodi, nell'ambito del "progetto Boccalini" ideato per far conoscere l'operato delle quattro sorelle che sfidarono le regole di allora cimentandosi nel gioco del calcio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna riconosce lo Stato di Palestina, le reazioni a Madrid

Arrestato in Italia il boss della mafia turca Baris Boyun accusato di terrorismo

Elezioni europee: come si svolgerà il dibattito in Eurovisione tra i candidati principali