EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Vigorose misure di sicurezza al cimitero di Mosca per il funerale del blogger militare russo

Flowers and a poster with a photo of blogger Vladlen Tatarsky placed near the site of an explosion at the "Street Bar" cafe in St. Petersburg, Russia.
Flowers and a poster with a photo of blogger Vladlen Tatarsky placed near the site of an explosion at the "Street Bar" cafe in St. Petersburg, Russia. Diritti d'autore Dmitri Lovetsky/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Dmitri Lovetsky/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Redazione italiana
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I media russi hanno riferito che era presente alla cerimonia funebre anche il capo del gruppo Wagner, Yevgeny Prigozhin

PUBBLICITÀ

Sono state intraprese vigorose  misure di sicurezza al cimitero Troyekuroskoe di Mosca per il funerale del blogger militare russo Vladlen Tatarsky, ucciso il 2 aprile scorso a causa di un'esplosione in un caffè di San Pietroburgo.

I media russi hanno riferito che era presente alla cerimonia funebre il fondatore del gruppo Wagner, Yevgeny Prigozhin.

La 26enne Darya Trepova è stata accusata di terrorismo per l'uccisione dell'uomo, mentre le autorità russe hanno puntato l'indice sull'Intelligence ucraina per aver organizzato l'omicidio.

Il 2 aprile, seguendo le istruzioni, la ragazza avrebbe portato una statuetta bomba in un caffè nel centro di San Pietroburgo, regalandola a Tatarsky.

A seguito dell'esplosione, avvenuta poco dopo, Tatarsky è deceduto ed oltre 30 persone che si trovavano nel bar sono rimaste ferite.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Uccisione del blogger russo Tatarsky: confessa una 26enne russa

Russia: espulso addetto militare ambasciata britannica, per Mosca è "persona non grata"

Russia, via ministro Shoigu, nominato Belousov: Putin cambia la difesa durante offensiva in Ucraina