EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ucciso perché ritenuto un traditore, nuove accuse per boss Abete

Arrestato 54enne inserviente nella compagnia di navigazione
Arrestato 54enne inserviente nella compagnia di navigazione
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 05 APR - Nuove accuse della Dda di Napoli per il boss al 41bis Arcangelo Abete: gli inquirenti contestano all'ex capo delle "Cinque Famiglie" di Secondigliano il ruolo di mandante dell'omicidio di Giovanni Candone, un "traditore" secondo Abete, ucciso il 21 ottobre del 2011 perché scelse di passare nel gruppo della Vinella Grassi. A lui e ai due presunti killer lunedì scorso è stato notificato un arresto in carcere. Candone cadde in una trappola: gli venne dato appuntamento davanti a un bar in via Fosso del Lupo dove poco dopo giunse il sicario con un casco integrale in testa e una pistola in mano. La vittima capì subito che si trattava di un agguato e tentò una breve e inutile fuga ma venne raggiunto e ucciso dal killer. Dopo l'omicidio il sicario fuggì in sella a una moto guidata da un complice. Secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri della compagnia Vomero di Napoli, coordinate dal sostituto procuratore Maurizio De Marco, l'omicidio di Candone si inquadra in un' epurazione interna alle "Cinque Famiglie" di cui facevano parte il gruppo della Vinella Grassi insieme con le famiglie Leonardi, Abbinante, Marino e Abete-Notturno. Fu proprio un sicario della Vinella a eseguire l'ordine di morte del boss, fortemente intenzionato a punire Candone che lo aveva preferito proprio alla Vinella che però rispondeva solo ed esclusivamente ad Abete. Secondo le ricostruzioni formulate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, inoltre, l'atteggiamento tirannico di Arcangelo Abete, detenuto al 41bis nel carcere di Milano dal 2011, innescò la terza faida di Scampia. Le misure cautelari sono state notificate anche ai presunti killer dell'omicidio Candone: Fabio Magnetti e Alessandro Grazioso. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna riconosce lo Stato di Palestina, le reazioni a Madrid

Arrestato in Italia il boss della mafia turca Baris Boyun accusato di terrorismo

Elezioni europee: come si svolgerà il dibattito in Eurovisione tra i candidati principali