Caso Stormy Daniels: il giorno del giudizio per Trump. L'ex presidente: "Persecuzione politica"

"Richiudetelo!"
"Richiudetelo!" Diritti d'autore ANDREW CABALLERO-REYNOLDS/AFP or licensors
Diritti d'autore ANDREW CABALLERO-REYNOLDS/AFP or licensors
Di Cristiano TassinariEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A istituire il processo è stato il giudice Juan Mechan, una "vecchia conoscenza" di Trump: l'ex presidente, comunque vada, verrà rilasciato su cauzione

PUBBLICITÀ

Un altro "giorno del giudizio" per Donald Trump.

L'ex presidente degli Stati Uniti, partito da Palm Beach, è arrivato a New York lunedì sera e ha trascorso la notte nella sua suite privata nella Trump Tower, preparandosi con i suoi avvocati per l' apparizione di oggi (verso le 20, ora italiana) davanti a un tribunale di Manhattan. 

Trump rischia di essere incriminato nel processo - istituito dal giudice di origine colombiana Juan Merchan ("vecchia conoscenza" dell'ex presidente: lo scorso anno ha supervisionato il processo a due società di Trump, entrambe dichiarate colpevoli di frode fiscale) - per il suo ruolo nel pagamento di 130.000 dollari non dichiarati alla porno star Stormy Daniels, con la quale avrebbe avuto una relazione in passato. 

Per ottenere il silenzio della donna, e per non compromettere la campagna elettorale del 2016, il denaro sarebbe stato pagato per conto di Trump dal suo avvocato di fiducia di allora, Michael Cohen

Trump è il primo ex presidente degli Stati Uniti nella storia ad affrontare un procedimento penale.

Il Dipartimento di polizia di New York è in massima allerta prima dell'udienza in tribunale, per potenziali proteste di piazza da parte di sostenitori - e di contestatori - di Trump.

È prevista la presenza di 36.000 uomini delle forza dell'ordine per le strade della "Grande Mela".

Il sindaco di New York, Eric Adams, ha avvertito i cittadini, consigliando loro di "comportarsi bene".

"Il nostro messaggio è chiaro e semplice: controllatevi!
New York City è la nostra casa, non un parco giochi per sfogare la vostra rabbia ingiustificata.
Siamo la grande città più sicura d'America perché rispettiamo lo stato di diritto, qui a New York City".
Eric Adams
Sindaco di New York
Screenshot
La dichiarazione del sindaco di New York, Eric Adams. (3.4.2023)Screenshot

Le accuse precise contro Trump sono ancora sconosciute, ma i suoi avvocati hanno affermato che si dichiarerà "non colpevole".

Il pagamento a Stormy Daniels non era illegale, ma presumibilmente è stato registrato come spesa aziendale. E falsificare documenti aziendali è illegale, nello Stato di New York.

L'ex presidente dovrebbe tornare già in tarda serata nella sua casa in Florida, a Mar-a-Lago: anche in caso di arresto, il tribunale dovrebbe immediatamente rilasciarlo su cauzione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump incriminato: andrà a processo per 34 capi d'accusa. L'ex presidente: "Combatterò"

Trump si dichiara non colpevole al processo per i pagamenti illeciti a Stormy Daniels

Usa, processo a Donald Trump per il caso Stormy Daniels, il tycoon: "Un attacco all'America"