EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Frode sulla benzina, Finanza sequestra 17 pompe bianche

A Parma scoperta una truffa all'Erario per fare prezzi più bassi
A Parma scoperta una truffa all'Erario per fare prezzi più bassi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PARMA, 23 MAR - Con un complicato meccanismo di società inesistenti, un'azienda di Parma comprava benzina e gasolio da raffinerie di Slovenia e Croazia evadendo l'Iva e vendendoli poi sul mercato a un prezzo molto inferiore rispetto al normale. La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato 17 pompe bianche, ovvero i distributori senza loghi delle case petrolifere, in Emilia, ma anche nelle province di Brescia, Lodi e Verona. Il sequestro preventivo, emesso dal Gip di Parma su richiesta della procura europea, riguarda due società attive nel commercio di carburanti e sette persone, fra le quali tre promotori e organizzatori di un un'associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale. Disposto anche il sequestro di beni per un valore di circa 150 milioni. L'indagine è partita nel 2019 quando le Fiamme gialle hanno rilevato diverse anomalie nel prezzo di vendita dei carburanti in provincia di Parma. Hanno così ricostruito il complicatissimo meccanismo che consentiva la frode, con una triangolazione fra persone residenti a Dubai, Miami e Napoli che acquistavano benzina e gasolio in Slovenia e Croazia, per poi rivenderle a imprese del Regno Unito e della Romania e poi a 31 imprese 'cartiere' (ovvero esistenti solo sulla carta) e in alcuni casi a una società filtro della provincia di Potenza. Il carburante, in realtà, arrivava direttamente nel deposito della provincia di Parma, per poi essere venduto nei 17 distributori sequestrati che potevano praticare un prezzo molto più basso rispetto alla concorrenza. Per l'erario ci sarebbe un danno complessivo di oltre 90 milioni. Oltre alle pompe sono stati sequestrati il deposito di Parma, diversi immobili e disponibilità finanziarie: nell'ambito delle perquisizioni sono in campo anche i cash-dog, ovvero i cani addestrati a fiutare l'odore dei soldi per individuare ulteriori depositi di contanti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania-Scozia 5 a 1, i padroni di casa vincono il match di apertura degli Europei Uefa 2024

Ucraina, Stoltenberg: "Ancora non c'è accordo sui finanziamenti a lungo termine"

Le notizie del giorno | 14 giugno - Serale